Scegli il nome del prossimo progetto UIL

Carissimi,

la UIL ci ha comunicato che il sondaggio per la scelta del nome di un prossimo importante progetto, di cui a una precedente mail, ha riscontrato un entusiasmo che è andato ben oltre le aspettative.

Terminata la finestra di voto, in tanti hanno contattato la UIL per chiedere di poter indicare la propria preferenza.

Pertanto, ritenendo utile dare questa possibilità a chi non abbia ancora avuto modo di esprimersi, si potrà ancora votare fino a domenica 21 febbraio p.v. accedendo al seguente link: https://www.uil.it/survey.asp

 

Corso di formazione per Dirigenti Scolastici – DSGA e per chi si prepara  alle prove orali del Concorso per DSGA (in allegato)

 
Graduatorie ATA terza fascia: bando in arrivo.

Le domande di inserimento, di conferma, di aggiornamento, saranno prodotte unicamente in modalità telematica attraverso l’applicazione POLIS, Istanze online.
Gli interessati dovranno essere pertanto in possesso delle credenziali SPID, o, in alternativa, di un’utenza valida per l’accesso ai servizi presenti nell’area riservata del Ministero dell’Istruzione con l’abilitazione specifica al servizio “Istanze on Line (POLIS)” CONSIGLIATA.

La domanda di inserimento, di conferma o di aggiornamento nelle graduatorie di terza fascia di circolo e di istituto per le supplenze temporanee è unica per tutti i profili professionali richiesti ed è indirizzata all’istituzione scolastica scelta dall’aspirante per la valutazione dell’istanza.

TORNEREMO SULL’ARGOMENTO appena sarà pubblicato il bando. Nel frattempo chi non è registrato a POLIS, lo faccia.

 
MOBILITA’ DEL PERSONALE: inopportuna la convocazione su un tema contrattuale da un governo dimissionario.
Turi: la forma è sostanza. I trasferimenti del personale non sono affari correnti. 
Abbiamo chiesto la riapertura del contratto integrativo che merita una risposta e una visione complessiva per i riflessi che avrà sull’avvio del prossimo anno scolastico.

In politica la forma è sostanza. Non riusciamo a capire l’atteggiamento del ministro dell’istruzione che ha convocato una riunione sindacale per affrontare i temi della mobilità del personale che – osserva il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi coinvolge, ogni anno, centinaia di migliaia di lavoratori. 
I trasferimenti nella scuola sono passo propedeutico per la programmazione del prossimo anno scolastico.
La Uil Scuola, già con una lettera indirizzata al ministro nei giorni scorsi, ha chiesto di sospendere il calendario relativo alle prove di esame del concorso straordinario.
Un atto definito di garbo istituzionale vista la situazione di passaggio di governo.

Quello dei trasferimenti del personale della scuola è un aspetto che merita altrettanta attenzione e visione.
Già lo scorso anno la UIL Scuola ha chiesto la riapertura del contratto, procedura prevista peraltro da una norma contenuta nel contratto. Richiesta, che il ministro ha disatteso e che, invece, intendiamo realizzare.

Quest’anno, insieme alle altre organizzazioni sindacali abbiamo reiterato la richiesta e, in tutta risposta, ci vediamo convocati per la routine di una procedura che non può essere annoverata negli affari correnti.  Le scelte, sia sul reclutamento che sulla mobilità, avranno effetti sull’avvio del prossimo anno scolastico.  

La riapertura del contratto integrativo sulla mobilità potrà essere l’occasione per eliminare il vincolo quinquennale di divieto di spostamento.
Misura che finora ha impedito di coprire i posti disponibili (vacanti) nei territori diversi da quello in cui si è in condizione di essere stabilizzati con le graduatorie esistenti che altro non sono che concorsi per titoli e servizio. 

Sono queste le ragioni che hanno indotto la scelta della delegazione UIL Scuola a disertare la convocazione. Una riunione che appare inopportuna mentre l’attenzione andrebbe rivolta, entro un quadro organico di interventi, di un nuovo contratto integrativo sulla mobilità del personale che merita piena attenzione.

 
 
Calendario scolastico allungato, sindacati e presidi frenano
Se si escludono Romania, Repubblica ceca e Slovacchia non ci sono altri paesi dell’Ue che hanno tenuto le scuole (in tutto o in parte) chiuse più tempo dell’Italia dall’autunno a oggi: 26 settimane.
Basta questa evidenza statistica a spiegare perché nel suo secondo giro di tavolo con i partiti il premier incaricato Mario Draghi abbia posto l’accento sull’esigenza di rimodulare il calendario scolastico, allungando le lezioni almeno a fine giugno, come primo step di una strategia che consenta ai nostri studenti, magari in abbinata ai corsi di recupero pomeridiani, di colmare il gap di appredimenti accumulato finora.
Peraltro rilevante, visto che i primi studi internazionali parlano di divari formativi nell’ordine del 30-50% in matematica e nelle lingue.
Ma le reazioni che arrivano dal mondo dell’istruzione non sono concilianti come quelle che sono arrivate dai leader delle forze parlamentari che dovranno votare la fiducia al nuovo esecutivo. E ritorna così alla mente il doppio tentativo -il primo, solo abbozzato, dopo le prime settimane di lockdown del 2020; il secondo, stavolta formalizzato, nel dicembre scorso quando si doveva decidere come riaprire dopo le festività natalizie- che la ministra uscente Lucia Azzolina ha fatto nei mesi scorsi. Salvo tornare sui suoi passi per l’opposizione dei governatori e dei sindacati.
Sono state proprio alcune sigle sindacali (Uil, Snals, Gilda e Anief) ieri ad alzare subito il muro alle prime proposte di Draghi. Con toni e sfumature diversi ma con la stessa sostanza: con la didattica a distanza non si è perso tempo e anche con la Dad l’attività di insegnamento è andata avanti.
Fermo restando che, al netto dei 200 giorni minimi di lezione, il calendario scolastico è di competenza regionale, e che dunque una “quadra” va trovata con i governatori, qualche elemento in più potrebbe arrivare dagli incontri odierni quando il presidente del Consiglio in pectore incontrerà le sigle confederali. Ieri, Cgil e Cisl, hanno glissato sul tema preferendo soffermarsi sull’altra indiscrezione proveniente dal tavolo delle trattative per la formazione del nuovo governo. E cioè che prof e Ata (grazie alle fiale di Astrazeneca riservate agli under 55) avranno la priorità nei piani vaccinali e che bisognerà includere anche gli studenti. In quella sede probabilmente si parlerà anche dell’intenzione di Draghi di spingere sull’eliminazione a settembre delle cattedre vacanti.
E se sulla rimodulazione di lezioni e orari (per la cronaca, la media Ocse è di 778 ore annuali alla primaria, 712 e 680 alle superiori; da noi, rispettivamente, 766, 626 e 626) la mediazione si annuncia faticosa, sulle cattedre non appare da meno. Vista la storia dei concorsi da 78mila posti, fermi due anni, e ora frenati dal virus. Se per quello straordinario (32mila cattedre in palio) è arrivato ieri il via libera del Cts a concluderlo (mancano 4 gionate), per gli altri due ordinari (da 46mila cattedre) siamo ancora in attesa. Ammesso che inizino sarà davvero impossibile avere i vincitori in cattedra a settembre. A meno di procedure “semplificate”, che tradotto significa: altra sanatoria.
 
 
 
La ricetta di Draghi sulla scuola: stop alle cattedre vuote a settembre e recuperare i giorni persi con un nuovo calendario di Claudio Tucci
Al secondo giro di incontri con i partiti il premier incarico, Mario Draghi, parla di scuola ed espone la sua ricetta per affrontare le prime urgenze. L’ex presidente della Bce ne indica due: evitare le cattedre vacanti a settembre, da coprire, di volta in volta, con supplenti e rivedere il calendario delle lezioni per recuperare i giorni di scuola persi durante questi mesi.
Le urgenze
Il riferimento è ai gravi danni che una scuola a singhiozzo ormai da due anni scolastici sta producendo sugli studenti. In primis, sugli apprendimenti. I primi studi internazionali hanno evidenziato, all’estero, gap formativi tra il 30-50% in matematica e nelle lingue. Un danno enorme, che in Italia non è stato possibile misurare perché il governo Conte non ha fatto svolgere, lo scorso anno, (colpevolmente) le prove Invalsi. Ma tutti gli esperti sono concordi nell’ipotizzare “gap” non dissimili per i nostri studenti, visti anche i ritardi sugli apprendimenti già accumulati negli anni precedenti.
Lezioni anche in estate (e/o nel pomeriggio)
Per questo le parole di Draghi risaltano ancora più forte: si dovrà «rimodulare il calendario scolastico» dell’anno in corso, per recuperare i “numerosi giorni persi”. L’ipotesi di recupero dei giorni persi potrebbe essere quella di prevedere una chiusura d’anno più lunga, fine giugno o anche luglio, magari anche con turni pomeridiani in corso d’anno. Qui la decisione spetta alle singole Regioni, ma è difficile immaginare resistenze in caso di pressing del nuovo governo. Sul recupero del gap formativo si era iniziato a muovere anche l’esecutivo Conte, con circa 300 milioni di euro da inserire nel decreto Ristori, al momento fermo ai box, dopo la crisi dell’esecutivo giallo-rosso.
Stop al valzer di supplenti a settembre
L’altra urgenza indicata dal premier incaricato, Mario Draghi, è lo stop al solito film di cattedre vacante a settembre. Qui Draghi è esplicito: il nuovo governo deve lavorare da subito perché a settembre tutte le cattedre siano assegnate e i docenti siano in classe dal primo giorno del nuovo anno scolastico. Il premier incaricato avrebbe anche sottolineato che bisogna evitare che ci siano quest'anno molte migliaia di cattedre vacanti come lo scorso anno, alla ripresa dopo l’estate. Secondo le stime anticipate sul Sole24Ore del Lunedì (8 febbraio) a settembre si rischiano 220mila cattedre vuote, da coprire con supplenti. Un numero monstre. Qui a pesare è il ritardo (due anni di gestazione e di polemiche) dei concorsi a cattedra. A oggi ne è partito solo uno, quello straordinario, per 32mila cattedre. Sono fermi i restanti due, ordinari, da 46mila posti.
 
 
100 milioni alle Regioni per finanziare l'assistenza degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali
 Il contesto
All'origine vi è stata la Legge "Delrio" n. 56/2014, il cui comma 89 dell'articolo unico ha previsto il riordino delle funzioni non fondamentali delle Province.

Quelle fondamentali sono elencate al comma 85:

a) pianificazione territoriale provinciale di coordinamento, tutela e valorizzazione dell'ambiente;

b) pianificazione dei servizi di trasporto in ambito provinciale, autorizzazione e controllo in materia di trasporto privato, costruzione e gestione delle strade provinciali e regolazione della circolazione stradale a esse inerente;

c) programmazione provinciale della rete scolastica;

d) raccolta ed elaborazione di dati, assistenza tecnico-amministrativa agli enti locali;

e) gestione dell'edilizia scolastica;

f) controllo dei fenomeni discriminatori in ambito occupazionale e promozione delle pari opportunità sul territorio provinciale.

Le funzioni non fondamentali sono attribuite dallo Stato e dalle Regioni, secondo le rispettive competenze, al fine di conseguire le seguenti finalità: individuazione dell'ambito territoriale ottimale di esercizio per ciascuna funzione; efficacia nello svolgimento delle funzioni fondamentali da parte dei Comuni e delle loro Unioni; sussistenza di riconosciute esigenze unitarie; adozione di forme di avvalimento e deleghe di esercizio tra gli enti territoriali coinvolti nel processo di riordino mediante intese o convenzioni.

Sono inoltre da valorizzare forme di esercizio associato di funzioni da parte di più enti locali e autonomie funzionali.
Le Regioni quindi si sono mosse con proprie leggi per provvedere al riordino delle funzioni non fondamentali delle rispettive Province.
Sono rimaste "appese" le funzioni relative all'assistenza per l'autonomia e la comunicazione personale degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali di cui all'art. 13, comma 3, L. n. 104/1992, che fa obbligo agli enti locali di fornire il servizio nelle scuole di ogni ordine e grado mediante l'assegnazione di docenti specializzati; e quelle relative alle esigenze di cui all'art. 139, comma 1, lett. c), D.Lgs. n. 112/1998, che trasferisce alle Province e ai Comuni i "servizi di supporto organizzativo del servizio di istruzione per gli alunni con handicap o in situazione di svantaggio". (DPCM 20 novembre 2020 (G.U. 27 gennaio 2021, n. 21))

 
 
Supplenti e classi pollaio i dossier sul tavolo

Che il nuovo ministro (o ministra) dell'Istruzione sia politico/a o tecnico/a cambia poco. Recovery fund a parte, i dossier più pesanti (e pressanti) che si troverà a esaminare sono quelli riguardanti settembre: supplenti, concorsi e classi pollaio. Un sorta di Idra a tre teste che esiste da anni e che ha reso la gestione dell'emergenza sanitaria nelle classi ancora più complicata.

Anche perché, dopo un 2019/20 funestato dalla serrata imposta dal primo lockdown e un 2020/21 falcidiato dall'alternanza tra didattica in presenza e a distanza, con tutto ciò che hanno comportato in termini di perdita di apprendimenti dei ragazzi, non possiamo permetterci un terzo anno di scuola a metà. Virus o non virus.

 

 

Cisco sigla un protocollo di intesa con l’Istruzione per innovare e potenziare le competenze digitali nella scuola
Cisco e ministero dell'Istruzione hanno siglato un protocollo di intesa della durata di tre anni, dedicato a innovare e potenziare le competenze digitali nella scuola. L'accordo rappresenta un nuovo passo di un percorso di collaborazione ormai più che decennale, volto a offrire agli studenti la possibilità di acquisire le conoscenze necessarie per essere cittadini di una società digitale – e per prepararsi ad un mondo del lavoro in cui le competenze Ict professionali e trasversali sono essenziali.
 
 
 
Arriva MyIs, la nuova App per graduatorie, contratti, istanze e avvisi
“In questi giorni abbiamo reso disponibile MyIs, la nuova App del Ministero dell’Istruzione che potete scaricare sui vostri dispositivi mobili”.
La App “rientra nel piano di digitalizzazione che ho pensato per il Ministero dell’Istruzione. Uno strumento che ho voluto si realizzasse per consentire l’accesso rapido a tutti i servizi più utilizzati dagli utenti del mondo della scuola. Parliamo di istanze, graduatorie, contratti, avvisi. Un modo di comunicare semplice e trasparente“.
Per accedere basta avere le credenziali SPID o essere registrati all’area riservata del Ministero mentre per consultare tutte le sezioni dell’app occorre essere abilitati al servizio di Istanze OnLine.
 
 
 
L’alunno sospeso torna in classe se è mancato il confronto con i rappresentanti dei genitori
I provvedimenti disciplinari irrogati agli alunni hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità e al ripristino dei corretti rapporti all'interno della “comunità” scolastica.
Tuttavia la mancata convocazione dei rappresentanti dei genitori al Consiglio di classe che ha proposto una sanzione disciplinare per uno studente “manesco”, ne inficia la regolarità sebbene la condotta dell'allievo presenti indubbi connotati di gravità (sentenza 529/2021 Tar Campania).
 
 
Concorsi pubblici con tampone

Ammissione alle prove di concorsuali solo previo tampone. È uno dei paletti fissati dal Protocollo di svolgimento dei concorsi pubblici approvato dal Dipartimento della Funzione pubblica in attuazione dell'art. 1, comma 10, lettera z), del dpcm 14 gennaio 2021.

Tale norma consente lo svolgimento delle prove con un limite massimo di 30 candidati per ogni sessione o sede, ma sono previa adozione di appositi protocolli da parte della Funzione pubblica.

La previsione conferma in generale la sospensione sia delle preselettive che degli scritti relativi a tutte le procedure concorsuali pubbliche (e private) e di quelle per l'abilitazione all'esercizio di professioni, ad esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica.

 
 
 
Incontro MI: corsi di perfezionamento per l'insegnamento di una disciplina linguistica in lingua straniera.

I Corsi di perfezionamento per l’insegnamento di una disciplina linguistica in lingua straniera, secondo la metodologia CLIL, rivolti ai docenti in servizio nelle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado sono stati oggetto dell’incontro tenutosi con il Ministero dell’Istruzione.

Per l’Amministrazione erano presenti il Capo dipartimento Marco Bruschi e Davide D’Amico.

La UIL Scuola ha espresso contrarietà per l’ennesima convocazione “ad horas”, modalità diventata ormai abituale.

Prima dell’incontro, non vi è stata nessuna informazione preventiva sul contenuto del decreto che, comunque a parere della UIL, dovrà essere accompagnato da linee guida oltre che da un ulteriore confronto.

Trattandosi di una metodologia molto articolata e non del semplice insegnamento di una lingua straniera, la formazione che la sottende dovrà essere ben strutturata, opzionale e, come previsto dall’art. 64 del CCNL vigente, non obbligatoria.

Per la UIL Scuola occorre chiarire:

– quali saranno le Università che si occuperanno di questa formazione;

– quali docenti potranno accedere ai corsi;

– quali saranno le modalità e i tempi di attuazione;

– quali ricadute avrà sul personale docente e sulle scuole interessate.

Per la UIL Scuola la formazione del personale interessato deve essere di esclusiva responsabilità del Ministero dell’istruzione e degli Enti accreditati, senza incursioni esterne da parte di privati.

La partecipazione a questo percorso di formazione non può vincolare in nessun modo né le istituzioni scolastiche nè tantomeno il personale docente.

Su tutti questi aspetti, congiuntamente alle altre organizzazioni sindacali, chiederemo uno specifico incontro.

Per la UIL Scuola hanno partecipato Mariolina Ciarnella e Roberta Vannini.

 
 
 
Skuola.net, il costo dei banchi con e senza le rotelle ha toccato quota 318 milioni
«Qual è stato il costo reale dei banchi a rotelle? In base a quanto dice la struttura del commissario straordinario, contattata da Skuola.net, il loro costo medio sarebbe stato di 274 euro per ogni banco innovativo e di 93 euro per quello tradizionale monoposto.
I banchi di ultima generazione sarebbero stati 434mila, più 2,1 milioni di quelli tradizionali. Il costo totale dell'operazione, in base a questi numeri, è stato di 119 milioni per i banchi a rotelle e di 199 milioni per quelli tradizionali. Per un totale di 318 milioni di euro».
E' quanto fa sapere Skuola.net in un comunicato.
Con la stessa somma si potevano assumere e ridurre le tradizionali “classi pollaio” da 27-30 alunni vanno avanti anche in epoca Covid.

 
  
L’allarme degli psicologi: con la Dad agli studenti manca il rapporto con i compagni
David Lazzari, presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine degli Psicologi ha presentato un’indagine realizzata dal Centro studi del Cnop, dalla quale emerge che a mancare maggiormente agli studenti italiani, a causa dell'impossibilità di svolgere lezioni in presenza, sono lo stare insieme ai compagni di classe (75%), la possibilità di studiare insieme (45%), la maggiore interazione durante le lezioni (38%) e il confronto con gli insegnanti (31).
 
 
Congedi del padre lavoratore estesi al 2021 e portati a 10 giorni
La legge di Bilancio ha prorogato per l’anno 2021, nonché esteso da 7 a 10 giorni, il congedo obbligatorio del padre lavoratore di cui all’articolo 4, comma 24 della legge 92/20212, da fruire in occasione della nascita del figlio e/o dell’adozione/affidamento avvenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021. Ai sensi del Dm 21 dicembre 2012 i 10 giorni di congedo devono essere fruiti, anche in via non continuativa, ma mai frazionati a ore, entro

 

INSEGNANTI DI SOSTEGNO / Si promettono investimenti ma si pensa di ridurre gli organici con la formazione obbligatoria di tutti gli altri insegnanti
Turi: modello italiano di inclusione ammirato in Europa. Attenzione a non fare danni irreparabili.
Dai vertici ministeriali risposte fumose e tecnocratiche. Legge di Bilancio e relazione tecnica progettano tagli: 5 mila posti l’anno.

Abbiamo visto la Legge di Bilancio e letto la relazione tecnica che l’accompagna, pertanto esprimiamo scientemente il nostro giudizio negativo, avvalorato anche dall’incontro al ministero nel quale ci è stato illustrato il nuovo sistema: così Pino Turi sulla polemica sui posti di sostegno innescata dai vertici ministeriali mentre in corso c’è la partita di Governo.

Il decreto sul sostegno, scritto in attuazione di una delle deleghe della Legge 107, porterà tagli di organico nei prossimi anni – spiega il segretario generale Uil Scuola. Non è un pregiudizio ma una attenta lettura delle norme. 

Dietro un lessico forbito e volutamente tecnocratico – osserva Turi – si comprende che si va verso la riduzione dei posti di sostegno, in particolare per quelli in deroga. Quando si legge che «è rotto il sinallagma tra gravità/rapporto 1.1» e che «si definisce un debito funzionale», che si pensa di fare cadere su tutti gli altri docenti della classe, attraverso una formazione obbligatoria, si capisce che il cerchio è chiuso.

Non ci saranno tagli, dunque? Vogliamo credere nelle rassicurazioni del dott. Max Bruschi, che si dice convinto – proprio come noi, osserva Turi – dello straordinario valore del sistema di integrazione italiano, che è il fiore all’occhiello del sistema scolastico italiano. 

Negli scorsi anni – ricorda Turi – abbiamo accolto delegazioni europee venute in Italia per comprendere e studiare il meccanismo di integrazione italiano.
Cambiare un sistema che funziona non è saggio – sottolinea Turi. I vantaggi di metodo e di competenze attese, che si vorrebbero introdurre, rischiano di riportarci indietro nel tempo.  Gli altri sistemi scolastici europei, che vorrebbero imparare da noi, non tagliano ma investono molto più di noi in istruzione in termini di percentuale sul PIL, lo dimostrano. Meglio non strafare ed evitare avventure tecnocratiche – rilancia Turi.

Molte volte l’ansia di innovazione porta – come nel caso del maestro unico – a peggiorare la situazione sulla base di una narrazione che nasconde, invece l’idea di ridurre gli organici. E magari fare qualche risparmio.

Quando Il Capo Dipartimento Bruschi indica nei 10 milioni di euro, programmati in più anni, lo strumento per formare gli insegnanti curriculari sulle specificità del sostegno, sta esplicitamente ammettendo – mette in chiaro Turi – che il deficit di supporto strutturale che andrebbe  a detrimento dell’offerta formativa (si teorizza anche la possibilità di esonero  per alcune materie),  degli alunni con specifici bisogni, andrebbe ad essere compensato dagli insegnanti curriculari, su cui ricadrebbe la carenza (il debito funzionale). Non vi è sufficiente garanzia di inclusione, quindi si impiegano i docenti curricolari.

Rotto il rapporto 1/1 (la rottura sinallagmatica) implicitamente si riconosce la riduzione dell’organico di sostegno, almeno 5 mila posti l’anno, secondo la relazione tecnica. 

Ciò che la mano destra concede in termini di aumento di organico di diritto di sostegno per il prossimo anno scolastico, la mano sinistra lo riprende con gli interessi. Ci piacerebbe tanto – aggiunge Turi – essere smentiti nei fatti. Sarebbe un risultato a vantaggio di tutta la scuola italiana.
Per questo continuiamo a rivendicare tavoli in cui ci sia un confronto di merito, sempre evitato da questo ministero. 

 

Scuola dell’infanzia. Sanificazione scarpe all’ingresso: procedura obbligatoria?
Nella scuola del Covid nascono preoccupazioni sanitarie nuove. Ad esempio, in particolare nella scuola dell’infanzia e primaria una preoccupazione ricorrente riguarda la possibilità di portare il virus in aula (o in casa) attraverso la suola delle scarpe.
È così? La suola delle scarpe porta il virus in casa? Sarebbe opportuno la sanificazione delle scarpe all’ingresso della classe di scuola dell’infanzia?
L’ISS (l’Istituto Superiore Sanitario) non esclude che il virus possa viaggiare sulle suole delle scarpe. Sebbene in luogo aperto la trasmissione del virus sia certo inferiore che in luoghi chiusi, ciò non toglie che calpestare eventuale materiale infetto (come secrezioni respiratorie in forma di catarro) potrebbe avere l’effetto di portare in casa o a scuola il virus. Questione trascurabile fintanto che non tocchiamo con le mani il pavimento, ma problema reale in presenza di bambini piccoli, come accade nelle classi di scuola derll’infanzia. Dunque in questi contesti sanificare le scarpe o sostituirle con un altro paio sarebbe una buona abitudine.
L’indicazione dell’ISS
L’ISS infatti suggerisce: In presenza di bambini si può mantenere un atteggiamento prudente nel rispetto delle normali norme igieniche, togliendosi le scarpe all’ingresso e pulendo i pavimenti con prodotti a base di cloro all’0.1% (semplice candeggina o varechina diluita).
La procedura non viene data come obbligatoria, ma è consigliata in linea generale, nelle case degli italiami. Dunque, a maggior ragione, questa procedura costituisce una buona prassi negli asili nido e nelle scuole dell’infanzia. Sarebbe cioè opportuno che gli operatori scolastici e i bambini avessero delle scarpe esclusive per l’ingresso a scuola o anche semplici copriscarpa usa e getta come quelli dei lavoratori sanitari. Una buona abitudine igienica in aggiunta alle altre regole di sanificazione dei locali, delle superfici, dei giocattoli.
Quanto alle norme cui il documento ministeriale fa esplicito riferimento (Verbale n. 82 del 28 maggio 2020, riunione del CTS), eccole:
Nella scuola dell’infanzia il distanziamento fisico presenta criticità più marcate che dovranno richiedere particolari accorgimenti sia organizzativi che nel comportamento del personale. Occorre in tal caso assicurare indicazioni e risorse addizionali circa la pulizia assidua delle superfici, il lavaggio frequente delle mani, criteri di riduzione del numero degli alunni contemporaneamente presenti in classe. Relativamente alla numerosità del gruppo classe, trattandosi per caratteristiche evolutive e metodologie didattiche di un contesto dinamico, è opportuno prevedere un affollamento ulteriormente ridotto rispetto ai criteri applicati nel contesto di classi di ordine superiore. Gli alunni della scuola dell’infanzia NON dovranno indossare la mascherina, come peraltro già previsto per i minori di 6 anni di età. Pertanto, non essendo sempre possibile garantire il distanziamento fisico dall’alunno, potrà essere previsto per il personale l’utilizzo di ulteriori dispositivi (es. guanti in nitrile e dispositivi di protezione per occhi, viso e mucose) oltre la consueta mascherina chirurgica.
Nelle Faq del Ministero dell’Istruzione, inoltre, viene specificato quanto segue.
Si possono portare giocattoli da casa?
No, non si possono portare giocattoli propri. Inoltre, il materiale ludico è assegnato in maniera esclusiva a specifici gruppi/sezioni.
  

Graduatorie di istituto e controlli sulle dichiarazioni

Un assistente amministrativo è stato assunto, per la prima volta, dalle graduatorie d’istituto. 
Abbiamo subito proceduto ai controlli previsti, dai quali sono emerse delle dichiarazioni false sui titoli.
Essendo trascorsi più di 30 giorni dall’instaurazione del rapporto di lavoro i presupposti del controllo vengono a decadere? Inoltre, emettendo ora un provvedimento di licenziamento, si andrebbe incontro ad un eventuale contenzioso?

Il caso in esame riguarda due fattispecie connesse e distinte, ovvero le conseguenze sul rapporto di lavoro dell'aspirante che abbia dichiarato titoli falsi, e le eventuali conseguenze penali.

In relazione al primo punto, già la O.M. 60/2020 all'art. 8 prevedeva che:

In caso di esito negativo della verifica, il Dirigente scolastico che ha effettuato i controlli comunica all’Ufficio competente la circostanza, ai fini delle esclusioni di cui all’art. 7, commi 8 e 9, ovvero ai fini della rideterminazione dei punteggi e delle posizioni assegnati all’aspirante; comunicazione delle determinazioni assunte è fatta anche all’interessato. Restano in capo al Dirigente scolastico che ha effettuato i controlli la valutazione e le conseguenti determinazioni ai fini dell’eventuale responsabilità penale di cui all’art. 76 del citato D.P.R. 445/2000.

La prescrizione è stata ribadita dalla nota 1588 dell'11/09/2020.

Le due disposizioni ricalcano la disciplina generale sulle autocertificazioni (normata dal D.P.R. 445/2000). 

Il termine di 30 gg. generale per la conclusione dei procedimenti amministrativi non consolida, se decorso, posizioni assunte sulla base di dichiarazioni false, né può essere utilizzato da chi ha dichiarato titoli falsi quanto disposto dall'art. 72, comma 3 del D.P.R. 445/2000, il quale prescrive il rispetto dei 30 gg. nei rapporti tra amministrazioni certificanti.

Riguardo alle conseguenze delle dichiarazioni false, invece, si ricorda che:

a norma dell'art. 75 del D.P.R. 445/2000, la non veridicità della dichiarazione comporta la decadenza dai benefici che si sono conseguiti;
a norma dell'art. 76 del D.P.R. 445/2000, chi rilascia dichiarazioni mendaci è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia (sanzioni aumentate nel corso degli anni) e, nel caso le dichiarazioni siano dirette ad ottenere pubblici uffici, il giudice può disporre anche l'interdizione temporanea;
a norma dell'art. 55-quater, comma 1, lett. d) del D.Lgs. 165/2001, è comunque previsto il licenziamento disciplinare per la falsità documentale dichiarate nell'instaurazione del rapporto di lavoro.
Rimane, comunque, in capo al Dirigente scolastico operare le opportune distinzioni tra dichiarazioni false (es. titolo non posseduto) o erronee (es. titolo posseduto ma non valido ai fini della selezione), e di operare le conseguenti valutazioni.

  

Scattano le nuove regole contro gli scioperi selvaggi nella scuola

In occasione di ogni sciopero, il prossimo in calendario nella scuola è per il 29 di gennaio, i dirigenti scolastici dovranno invitare i docenti e il personale Ata a comunicare in forma scritta, anche via e-mail, la propria intenzione di aderire allo sciopero o di non aderirvi o di non aver ancora maturato alcuna decisione al riguardo. E dovranno anche inviare una nota alle famiglie per informarle sulla data dello sciopero e sul peso delle sigle sindacali che lo abbiano indetto.

Così da consentire ai genitori degli alunni di valutare i probabili effetti dell'agitazioni e decidere se sia il caso di mandare i figli a scuola oppure no. È l'effetto dell'entrata in vigore dell'accordo sui servizi minimi in caso di sciopero, sottoscritto il 2 dicembre scorso dai rappresentanti dell'Aran e dei sindacati Cgil, Cisl, Uil, Snals, Gilda-Unams e Anief.

 

2020, i fondi pensione battono il Covid

Mentre Pil italiano cede oltre il 9% e il ritorno alla normalità post pandemia si allontana sempre più, il risparmio previdenziale consegna agli aderenti performance ampiamente positive. Per chi ha perso il lavoro o vede ancor più precario il proprio posto, la crescita dei contributi pensionistici rappresenta un elemento di tutela da sottolineare.

I rendimenti 2020 si assestano al 5,44% per i comparti a maggior esposizione all’azionario, i bilanciati +4% e quelli obligazionari a un soffio dal +3%. 

Una scommessa vinta, dunque – viste le circostanze drammatiche sia umane che economiche – e la conferma della capacità di resilienza del sistema fondi pensione che in Italia continua a vivere un paradosso: avere ancora (relativamente) pochi iscritti, ma offrire ampie soddisfazioni a chi li ha scelti, come testimoniato più volte dalle indagini campionarie di Mefop.
La correlazione con i mercati finanziari, il modello di gestione indiretta tramite gestori professionisti, i costi bassi e i vincoli di trasparenza: questi gli ingredienti che hanno portato la previdenza complementare a mostrare le proprie qualità e, ancora una volta, a “battere” il rendimento del trattamento di fine rapporto, fermo all’1,47% netto. 
Restano sul piatto le sfide che i fondi pensione stanno affrontato sul piano della sostenibilità, degli investimenti nell’economia reale e, nel prossimo futuro, l’introduzione dei nuovi presidi di trasparenza imposti dalla direttiva Iorp II, oltre alla concorrenza dei fondi pensione europei. Ma quel che è certo è che i fondi pensione si confermano un punto fermo nell’incertezza del presente. 
  

Maturità, nuovo affondo di Iv: se esame semplificato errore di metodo e merito
«Continuo a leggere che il ministero dell’Istruzione avrebbe già deciso una modalità ridotta per il prossimo esame di maturità, mentre ci sarebbero ancora incertezza sugli esami di terza media e i test invalsi». Lo dichiara Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera.
La critica di Iv
«Se questa ipotesi fosse confermata -continua Toccafondi- farei fatica a capirne il metodo, il merito e anche i tempi. Siamo a gennaio, il ministro competente e il presidente del Consiglio sostengono di essere al lavoro senza sosta per affrontare i problemi della scuola e per riaprirla in tutte le regioni. Perché allora non sfruttare i cinque mesi che rimangono, invece di dare fin da ora per scontato che non saranno mesi di apertura delle scuole e quindi di lezioni in presenza, esame di stato, test Invalsi per capire livello di conoscenza dei ragazzi dopo la Dad?». «Quanto al metodo, invece, non capisco perché su un tema simile si voglia evitare una discussione e un voto in Parlamento, e limitarsi a un’ordinanza».
 

Alunno promosso se la bocciatura manca di «motivazione personalizzata»
di Pietro Alessio Palumbo
L'ammissione degli studenti della scuola secondaria di primo grado alla classe successiva o all'esame conclusivo del primo ciclo costituisce la regola generale derogabile soltanto ove risultino condotte rilevanti sul piano disciplinare ovvero si riscontri una parziale o mancata acquisizione da parte dell'alunno dei livelli di apprendimento in una o più discipline. Ebbene come chiarito dal Consiglio di Stato nella recente sentenza 638/2021, in tale ultima ipotesi affinché il consiglio di classe, nell'esercizio della propria «discrezionalità tecnica», possa legittimamente rifiutare l'ammissione dell'alunno alla classe successiva, occorre una decisione corredata da «motivazione dedicata», dovendo indicarsi le ragioni per le quali nel caso concreto, avuto riguardo alla posizione del singolo studente, non possa operare la regola generale di prosecuzione del percorso di studi con l'ammissione alla classe successiva o all'esame conclusivo.
Le “strategie” della scuola nel corso e a fine anno
In merito assume rilevanza la disciplina che impone all'istituto scolastico, nell'ambito della propria autonomiaorganizzativa e didattica, di attivare specifiche “strategie” per il miglioramento dei livelli di apprendimento, una volta rilevate, all'esito delle valutazioni periodiche o finali degli alunni, carenze nell'acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più materie.
A ben analizzare necessitano dunque non soltanto valutazioni periodiche in corso di anno scolastico, ma anche valutazioni finali. Ciò evidenzia la necessità che l'istituto scolastico attivi i percorsi di recupero, una volta accertata una carenza nell'acquisizione dei livelli di apprendimento riferita al singolo studente, non soltanto nel corso dell'anno scolastico, all'esito della valutazione periodica negativa riportata dall'alunno, ma anche successivamente, tenendo conto della valutazione finale negativa all'uopo espressa.
La (sola) valutazione finale negativa “non giustifica” la bocciatura
La valutazione finale anche ove negativa, in quanto tesa ad evidenziare eventuali carenze nell'acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline da parte dell'alunno, non giustifica, di per sé, la mancata ammissione alla classe successiva.
In altre parole occorre in ogni caso verificare se le carenze rilevate al termine dell'anno scolastico possano, comunque, essere recuperate dall'alunno successivamente, mediante “manovre didattiche” da attivare allo scopo. Dal che soltanto qualora tale verifica si concluda negativamente, potrà disporsi la non ammissione dello studente alla classe successiva.
Come motivare la bocciatura? Ecco il “vademecum” del Consiglio di Stato
In ogni caso – si badi – pena illegittimità degli atti, la non ammissione dell'alunno alla classe successiva, necessita di una adeguata motivazione che dia conto in particolare: delle specifiche strategie per il miglioramento dei livelli di apprendimento attivate dall'istituto scolastico una volta rilevate, in corso d'anno, le carenze dell'alunno nell'acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline; dell'esito negativo del percorso di recupero organizzato tempestivamente dall'istituto scolastico, specificatamente rivolto al superamento delle carenze rilevate e, dunque, al miglioramento dei livelli di apprendimento; dell'impossibilità di recuperare le carenze rilevate mediante strategie di intervento dell'istituto scolastico, anche successivamente alla valutazione negativa all'uopo espressa.
 

Prorogato al 31 dicembre 2021 l'ape sociale
L'Ape sociale è stata prorogato fino al 31 dicembre 2021 e riguarderà non solo chi maturerà i requisiti in questo anno, ma anche tutti coloro che hanno perfezionato i requisiti negli anni precedenti al 2021.

L'Inps con il messaggio 62 dell'8 gennaio 2021 chiarisce i punti essenziali di questo strumento di anticipo pensionistico per il quale sono state stanziate risorse aggiuntive, rinviando ad una prossima circolare l'illustrazione dei diversi aspetti.

Opzione donna 2021 la nuova Legge di Bilancio rivede la data entro la quale devono essere maturati i requisiti per la pensione anticipata che diventa il 31 dicembre 2020. La data del 28 febbraio 2021 invece è quella entro la quale potranno fare domanda per Opzione donna 2021 coloro che fanno parte del personale del comparto scuola e AFAM.

Possono accedere a Opzione donna solamente quelle lavoratrici che optano per il sistema di calcolo contributivo della pensione, accettando quindi di subire una penalizzazione sull’assegno (variabile a seconda della posizione contributiva della lavoratrice). 

 

Insegnamento, abilitato alle supplenze il personale con tre anni di servizio
Non sono però equiparabili al personale che ha partecipato e vinto il concorso. Lo precisa il Consiglio di Stato con il decreto 12 gennaio 2021 n. 21
Gli insegnanti con tre anni di servizio sono qualificati per effettuare supplenze ma non sono equiparabili al personale che ha partecipato e vinto il concorso. Lo precisa il Consiglio di Stato con https://i2.res.24o.it/pdf2010/Editrice/ILSOLE24ORE/QUOTIDIANI_VERTICALI/Online/_Oggetti_Embedded/Documenti/2021/01/16/decreto21.pdf
I tre anni infatti rappresentano un'abilitazione "specifica" con inserimento in terza fascia delle graduatorie di istituto ma chi ha partecipato con successo a un esame abilitante viene inserito in altre fasce delle graduatorie a cui si ricorre per la chiamata in servizio. Questo perché è nella discrezionalità del legislatore nazionale modulare l'accesso alla professione per assicurare un sistema di valutazione adeguato.
Si legge sempre nel decreto che il Dl 29 ottobre 2019 n. 126, convertito dalla legge 20 dicembre 2019 n. 159 (Misure di straordinaria necessità ed urgenza in materia di reclutamento del personale scolastico e degli enti di ricerca e di abilitazione dei docenti) dà rilievo ai tre anni di servizio come requisito per l'accesso a un concorso avente effetto abilitante e non comporta alcuna equiparazione fra lo svolgimento del triennio e l'abilitazione "piena" che si consegue per effetto dei corsi o dei concorsi abilitanti (ai quali viene ammesso il personale avente tale servizio in precariato) .
La distinzione concettuale fra abilitazione piena e specifica o "semipiena" si ricava dal sistema che è incentrato appunto sulla centralità della valutazione degli insegnanti come professionisti. Un principio di valutazione conforme al diritto europeo che demanda poi ai singoli legislatori nazionali di modulare regole sulla professione, salvo un eventuale controllo dell'assetto disciplinare così delineato dal legislatore nazionale, da parte della Corte di Giustizia.
  

 
Tra 10 anni in Italia mancheranno oltre 120mila tra medici e infermieri e la Sanità richiederà nuove figure lavorative http://scuola24.ilsole24ore.com/art/scuola/2021-01-18/tra-10-anni-italia-mancheranno-oltre-120mila-medici-e-infermieri-e-sanita-richiedera-nuove-figure-lavorative-170446.php?uuid=AD4RoFEB&cmpid=nlqs
 

 
Chi non si vaccina può finire in aspettativa senza retribuzione

Il dibattito sulla possibilità di licenziare i dipendenti che rifiutano di sottoporsi al vaccino contro il Covid è molto delicato, in quanto le opinioni giuridiche rischiano di influenzare la campagna vaccinale appena avviata.
La difesa della scienza, però, non va confusa o non deve avallare letture forzate delle norme, perché la certezza del diritto è un bene altrettanto importante.
 
 
Benzina per auto, addio all’imposta regionale
La legge di Bilancio 2021 (articolo 1, comma 628 e successivi, della legge 178/2020) ha previsto l’abrogazione nelle Regioni a statuto ordinario dell’imposta regionale sulla benzina per autotrazione (Irba) a partire dal 1° gennaio 2021. Il provvedimento adegua la normativa nazionale in materia di accise al diritto unionale, facendo salvi per il passato gli effetti delle obbligazioni tributarie già insorte.
L’Irba, fu introdotta con la legge 158/1990.
 
 
 
         Carissimi,

segnaliamo la sentenza "apripista", a seguito di un ricorso patrocinato dalla UIL Scuola di Reggio Emilia, la quale stabilisce che il CIA VA RICONOSCIUTO A TUTTO IL PERSONALE ATA – ANCHE A CHI HA SVOLTO SUPPLENZE BREVI.

            Il Giudice ha stabilito che il compenso indennità accessorio deve essere riconosciuto a tutto il personale ATA, anche a coloro che hanno svolto le c.d. supplenze brevi, così pronunciando che "…l'esclusione del personale ATA a tempo determinato che effettua supplenze brevi e saltuarie non sia giustificato e che, quindi, debba essere loro riconosciuto detto emolumento"…

Ancora oggi gli stipendi del personale Covid vengono “corrisposti a singhiozzo”, ma permane anche “un taglio importante dello stipendio a causa del mancato riconoscimento della retribuzione professionale docenti e del compenso individuale accessorio al personale Ata, pari a 174,50 euro lordi al mese per i docenti e a 64,50 euro lordi per il personale Ata.

  

Fondo pensione per personale scuola, costruisci il futuro per tempo: siamo già più di 100mila

Lo hanno già fatto in oltre 100.000 accumulando zainetti previdenziali nel loro Fondo Pensione della scuola (Espero). Più di 15.000 sono già usciti e hanno avuto i loro risparmi. Aderire al Fondo consente di colmare il gap tra ultimo stipendio e pensione.
Il Fondo pensione Espero nasce nel 2004, a seguito di  accordo tra sindacati e rappresentanza del Governo come datore di lavoro. È nato proprio per tutelare sul piano previdenziale i lavoratori della scuola, in particolare per gli effetti della legge che ha previsto il calcolo con il sistema contributivo, che di fatto riduce la pensione rispetto all’ultimo stipendio.
Vale la pena informarsi sui vantaggi e sulle opportunità che si hanno aderendo al proprio fondo contrattuale; ci sono vantaggi fiscali ed il contributo aggiuntivo da parte del datore di lavoro, l’amministrazione statale.
Muoversi da subito consente di ridurre l’importo da accantonare e di beneficiare dell’effetto esponenziale delle rivalutazioni. La risorsa importante che abbiamo per costruirci un futuro pensionistico adeguato è il tempo. È importante ora approfondire ed informarsi per una adesione consapevole.
Tel 06 5227 9155 – mail: info@fondoespero.it – sito: www.fondoespero.it
Presso le nostre sedi troverete assistenza e consulenza anche su ESPERO.
  

Carissimi, riteniamo opportuno attirare ancora la Vostra attenzione sulle numerose decisioni che anche in questi giorni i Tribunali e le Corti di Appello continuano a depositare, riconoscendo al personale ATA e al personale docente l’integrale riconoscimento dei servizi pre-ruolo ai fini della ricostruzione di carriera e al più favorevole inquadramento della fascia stipendiale. 

Pertanto, con l’Ufficio Legale nazionale della UIL Scuola, abbiamo deciso di riaprire i termini di adesione al ricorso almeno sino al 30 novembre 2020, così da poter far partecipare anche il personale che verrà assunto in ruolo a partire dal prossimo anno scolastico.

GLI INTERESSATI CI CONTATTINO via mail a molise@uilscuola.it

 

La prossima volta che ti avvicini a un interruttore della luce durante il giorno, prova a pensare se puoi fare a meno di accenderlo. Puoi sempre aprire una tenda o spostarti in un punto più luminoso della stanza. Studi hanno dimostrato che la luce naturale incrementa la produttività e il comfort di chi occupa l'ambiente, quindi i vantaggi vanno oltre il risparmio energetico!

  

La Uil Scuola sottoscrive una assicurazione a tutela degli iscritti

La tempestività degli interventi è fondamentale in questi momenti. L’impegno professionale va accompagnato con tutte le misure che siano a tutela della persona e della sua salute.

POLIZZA UIL SCUOLA RISCHIO COVID 19

Effetto copertura: dalle ore 24,00 del 01/03/2020 alle ore 24,00 del 31/12/2020

Assicurati: tutti gli Iscritti alla Uil Scuola; Validità: in tutto il mondo.

 

 

Bando INPS: 9Mila borse di studio per studenti e laureati

L’INPS ha pubblicato il nuovo bando per l’assegnazione di borse di studio per i figli dei dipendenti pubblici, per la frequenza di corsi di laurea e post laurea.

Sono oltre 9Mila i contributi economici da assegnare a giovani under 32, per percorsi universitari riferiti all’anno accademico 2018 2019. L’importo della borsa di studio è variabile in base alle caratteristiche del beneficio, fino ad un massimo di 2.000 Euro. 

Le domande di partecipazione devono essere presentate, secondo le modalità indicate nel bando, attraverso l’apposita procedura online raggiungibile dal portale web www.inps.it, a partire dalle ore 12.00 del 27 gennaio 2021 ed entro le ore 12.00 del 1 marzo 2021.

 

 

Il Comune di Termoli in Provincia ha indetto tre concorsi finalizzati a 5 nuove assunzioni rivolte a diplomati e laureati.
Le candidature entro il 1 Marzo 2021. Queste le figure professionali (opera la riserva di posto a favore dei volontari FF.AA):
n. 2 Istruttori Direttivi Tecnici, categoria D;
n. 2 Istruttori tecnici, categoria C;
n. 1 Istruttore Direttivo dei Servizi Legali, categoria D. 
 

Automotive, elettrodomestici, energia: ecco le industrie che assumono
Non più grasso e rumore, ma sempre più spesso elettronica, design e connettività. L'industria italiana ha cambiato progressivamente pelle negli ultimi anni e l’evoluzione imposta dal processo di digitalizzazione di Industria 4.0 ha modificato anche le tipologie di profili richiesti dalle aziende, che anche in questa fase intendono assumere personale. Professionalità che, al di là di alcune terminologie anglofone, sono intrinsecamente correlate alle competenze ben rappresentate nella tradizione manifatturiera italiana.
Ciò che vi proponiamo qui è un elenco di posizioni aperte, nella rubrica in collaborazione con https://www.linkedin.com/news/story/qui-trovi-lavoro-le-offerte-nel-settore-healthcare-5341114/di LinkedIn Notizie.
LinkedIn è la piattaforma social specializzata nel recruiting, ricerca personale, formazione e lavoro, in cui potrete trovare direttamente il link per candidarvi alle posizioni indicate dalle società qui citate.
Marelli  vuole integrare il proprio personale con specialisti del Material Management e del Preventive Quality Management, e un/una Project Leader Electronic.
 
https://24plus.ilsole24ore.com/art/non-solo-gamestop-cosi-rivolta-trader-sta-scuotendo-borse-AD1IAWGB
Hitachi ABB Power Grids assume tra gli altri, Global Product Specialist for Digital solutions, Hub Supply Quality&Development Engineer e R&D Engineer Battery technology specialist;
 
Gruppo FCA ha https://www.linkedin.com/jobs/search/?f_C=307851%2C164866%2C326277%2C2529329%2C3645%2C373290%2C8895f_TPR=r2592000geoId=103350119location=Italiaredirect=falseposition=1pageNum=0per Material Management Responsible, E-Motors Design Release Engineer e non solo;
 
Kärcher è https://www.linkedin.com/jobs/search/?currentJobId=2347895027f_C=11193486f_TPR=r2592000geoId=103350119location=Italiaredirect=falseposition=2pageNum=0di Buyer Lavorazioni Meccaniche e Pressofusione, Project Manager e di un/una stagista in ambito Lean Manufacturing and Process Improvement;
 
Ariston Thermo Group seleziona WPS Coordinator Europe, Electronic Project Manager, Global WCM Pillar Leader e altri professionisti;
 
Ferretti https://www.linkedin.com/jobs/search/?f_C=51583f_TPR=r2592000geoId=103350119location=Italiaredirect=falseposition=1pageNum=0il proprio organico con Composite Technologies e Custom Line Resident Engineer, e non solo;
 
Prysmian sta assumendo, tra gli altri, Head of Engineering Department Network Components, Holding Cost Controller Specialist e Installation Project Engineer;

 

Lamborghini cerca Homologation Engineer, IT Digital Workplace & UX Management e Connectivity Back end Developer Engineer;

 

Alstom hahttps://www.linkedin.com/jobs/search/?f_C=2443%2C11858232f_TPR=r2592000geoId=103350119location=Italiaredirect=falseposition=1pageNum=0per diversi ruoli, tra i quali Production/Repair Scheduling Manager, ADM Products Safety Team Leader e Test Industrialization Engineer;

 

Electrolux seleziona Commodity Manager – Fabric & Dish Care, Key Supplier Specialist, Laboratory Specialist e altri professionisti.

 

BANCA D'ITALIA

Concorsi pubblici per la copertura di centocinque posti di personale dell'area operativa, vari profili professionali, a tempo indeterminato. (GU n. 8 del 29-01-2021)

 

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Indizione della sessione annuale degli esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di consulente del lavoro – anno 2021. (GU n. 8 del 29-01-2021)

 

AZIENDA LIGURE SANITARIA DELLA REGIONE LIGURIA DI GENOVA

Concorso pubblico unificato, per titoli ed esami, per la copertura di trentotto posti di dirigente medico a tempo indeterminato e con rapporto di lavoro esclusivo, disciplina di medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza, area medica e delle specialita' mediche. (GU n. 9 del 02-02-2021)

 

AZIENDA ZERO DI PADOVA

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di diciannove posti di dirigente medico, disciplina di neurologia, a tempo indeterminato, presso varie aziende sanitarie. (GU n. 10 del 05-02-2021)

 

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di ventotto posti di dirigente medico, disciplina di malattie dell'apparato respiratorio, a tempo indeterminato, presso varie aziende sanitarie. (GU n. 10 del 05-02-2021)

 

Trenitalia Lavora con noi: posizioni aperte, come candidarsi
Gli interessati alle future assunzioni e alle offerte di lavoro Ferrovie dello Stato possono candidarsi visitando la sezione dedicata alle ricerche in corso del Gruppo, Trenitalia “Lavora con noi”, e registrando il curriculum vitae nell’apposito form, entro i termini di scadenza previsti per le selezioni attive: https://www.trenitalia.com/?gclid=CKvrycjAhMUCFYzMtAodBQoAag

 

Banco BPM: 750 assunzioni con Piano Uscite
In Banco BPM assunzioni in arrivo entro il 2023.
Il noto Gruppo bancario creerà ben 750 nuovi posti di lavoro grazie ad un nuovo Piano Uscite concordato con i Sindacati.
Gli interessati alle future assunzioni Banco BPM e alle offerte di lavoro in banca attive possono visitare la pagina dedicata al recruiting (Lavora con noi) del Gruppo. Dalla stessa è possibile accedere al form online di candidatura, che va compilando inserendo i propri dati e allegando il cv.

 
Crewlink: lavoro per Assistenti di Volo, assunzioni 2021
In vista dell’estate 2021 Crewlink cerca aspiranti assistenti di volo per posti di lavoro in tutta Europa. Se di interesse clicca su https://www.crewlink.ie/recruitment/job-list/?utm_source=ticonsiglio

 
 

 

La Corte di Cassazione dichiara la non conformità dell’art. 485 d.lgs. 297/94 IN QUANTO VIOLA LA CLAUSOLA 4 DELL’ACCORDO QUADRO SUL LAVORO A TEMPO DETERMINATO. 

GLI INTERESSATI CI RICHIEDANO LA MODULISTICA PER INIZIARE DIRETTAMENTE IL CONTENZIOSO GRATUITO PER GLI ISCRITTI. LA BOZZA di DIFFIDA E SLIDE ILLUSTRATIVE verranno inviate a chi ne farà richiesta a molise@uilscuola.it .

La cassazione ha depositato la sentenza del 28 novembre 2019 numero 3149, sentenza attesa dal personale della scuola perchè pone fine ad un lungo contenzioso che come UIL Scuola Molise abbiamo iniziato, con alterne vicende nell'ormai lontano 2005. 

Salta quindi il limite del computo massimo di quattro anni per intero di servizio pre ruolo con il computo del servizio ulteriore nei limiti dei due terzi.

L'applicazione della sentenza porta alla revisione di migliaia di ricostruzione di carriera, con il diritto del personale alle eventuali differenze retributive conseguenti ad una diversa collocazione nella fascia stipendiare. 

Presso le nostre strutture UIL Scuola Molise gli interessati continueranno a trovare tutta la modulistica (che può essere richiesta anche via mail a molise@uilscuola.it) e l’assistenza necessaria.

Il tutto in modo gratuito con un piccolo contributo a sentenza favorevole.

 

Carissimi, con una pronunzia di luglio 2018, la Cassazione, modificando il suo precedente orientamento in materia, ha riconosciuto che la retribuzione professionale docenti (RDP), pari a 164 euro mensili, deve essere riconosciuta anche al personale con supplenze brevi e saltuarie.

Tutto il personale docente, a prescindere dal tipo di contratto stipulato, ha quindi pieno diritto all'assegno tabellare integrale.

Pertanto, a tutto il personale docente ed educativo, sia esso a tempo indeterminato che determinato anche per supplenze brevi, ai sensi dell'art. 7 del CCNL 15.3.2001 interpretato alla luce del principio di non discriminazione – clausola 4 accordo quadro allegato alla direttiva 1999/70/CE -, deve essere riconosciuta la Retribuzione Professionale Docenti.

A tal proposito, al fine di tutelare gli iscritti e per interrompere i termini di prescrizione, ai richiedenti verrà inviato apposito modello.

Dopo aver inviato la diffida avvieremo l'azione giudiziaria davanti al Tribunale competente.

L'attività, come da convenzione, verrà svolta gratuitamente per gli iscritti alla UIL Scuola e solo in caso di esito positivo verseranno un rimborso spese pari al 10% dell'importo recuperato. 

Su 5 anni (per evitare la prescrizione) l'importo da recuperare potrà variare tra 2.500,00 euro sino a circa 5.000,00 euro. 

Per qualsiasi informazione potete rivolgervi a molise@uilscuola.it o alle sedi UIL Scuola molisane.

LA MODULISTICA VERRA’ INVIATA A CHI NE FARA’ RICHIESTA a  molise@uilscuola.it.  Per qualsiasi informazione potete fare riferimento a questa Segreteria o presso le nostre sedi negli orari indicati in calce.  

La Federazione UIL Scuola RUA Molise ha aggiornato la sua politica sulla privacy a seguito dell'entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo Protezione Dati (GDPR). L’invio delle informative sindacali di INFORMATUICONUIL viene effettuato gratuitamente come aggiornamento per chi lo ha richiesto, nei modi e secondo le norme stabilite dalla legge. Nel caso in cui si non si desiderano ricevere le nostre informazioni, invitiamo a comunicarlo alla mail molise@uilscuola.it specificando nell'oggetto "Annulla  iscrizione a UIL Scuola Molise: Notizie”  Grazie.
Cari iscritti, indicate con chiarezza indirizzo di posta elettronica attivo e regolarmente consultato .

I nostri numeri telefonici: 338 8987 029 – 328 8698 791 – 0865 195 6044: è opportuno lasciare sempre un messaggio. Lasciando nome, cognome e numero telefonico fisso, gli iscritti saranno richiamati. 

Potete sempre contattarci su skype all'indirizzo ferdinandoamancini. 

IMPORTANTE, LEGGERE ATTENTAMENTE. GRAZIE 

Per iscriversi GRATUITAMENTE al gruppo, e ricevere quindi il notiziario, basta cliccare (e mandare) una mail a: notizie_uilscuola_molise_it+subscribe@googlegroups.com
Oppure: Copiare e incollare l'indirizzo e-mail del gruppo. Su oggetto iscrizione gruppo uil scuola. Si potrà sempre annullare l'iscrizione al gruppo, inviando una mail a molise@uilscuola.it 

Per maggiori opzioni e informazioni, si può visitare il gruppo della UIL Scuola Molise all’indirizzo: http://groups.google.it/group/notizie_uilscuola_molise_it?hl=it      

_______________________________________________________________________
Ferdinando A. Mancini – Esecutivo UIL Scuola Molise – Tesoriere

Posta  86170 Isernia, Strada Com. San Lazzaro 63    

Tel  0865 195 6044 (con segr tel)

Web  www.uilscuola.it   Email  fmancini@uilscuola.it

Cell  328 8698 791 Fax  02 301 320 47

                         Info e assistenza telefonica Dalle 21.30 alle 22.30
Facebook  UIL.Scuola.Molise             Skype  ferdinandoamancini

Email & Segr tel.  Lasciare nome e tel. fisso per essere richiamati

                      Ricevimento in sede

Campobasso  Via Crispi, 1/D-E

 Giovedì  16.00 − 18.00

Termoli          Via Sandro Pertini 1

 Martedì  15.00 − 16.00

Isernia           Viale dei Pentri, 173/A

 Mercoledì  16.00 − 18.00

Visita e iscriviti al nostro gruppo: http://groups.google.it/group/notizie_uilscuola_molise_it?hl=it
_______________________________________________________________________ 


Hai ricevuto questo messaggio perché sei iscritto al gruppo "Notizie UIL Scuola RUA Molise" di Google Gruppi.
Per annullare l'iscrizione a questo gruppo e non ricevere più le sue email, invia un'email a notizie_uilscuola_molise_it+unsubscribe@googlegroups.com.
Per visualizzare questa discussione sul Web, visita https://groups.google.com/d/msgid/notizie_uilscuola_molise_it/etPan.60270939.3c653b7b.722%40uilscuola.it.

———- Messaggio inoltrato ———-

 
UIL Scuola RUA Molise 86100 CAMPOBASSO Via Crispi 1/D-E  Notizie del 11 febbraio 2021
Tel. 338 8987 029 – mail: molise@uilscuola.it       Facebook: UIL.Scuola.Molise
                                    Da affiggere all'albo sindacale della scuola (art. 25 legge n. 300 del 20/05/1970) 
Non rispondere a questa mail generata automaticamente. Per contattarci, scrivi a molise@uilscuola.it
Per le notizie e allegati precedenti cliccare su    http://groups.google.it/group/notizie_uilscuola_molise_it?hl=it
 

 

Scegli il nome del prossimo progetto UIL
Carissimi,
la UIL ci ha comunicato che il sondaggio per la scelta del nome di un prossimo importante progetto, di cui a una precedente mail, ha riscontrato un entusiasmo che è andato ben oltre le aspettative.
Terminata la finestra di voto, in tanti hanno contattato la UIL per chiedere di poter indicare la propria preferenza.
Pertanto, ritenendo utile dare questa possibilità a chi non abbia ancora avuto modo di esprimersi, si potrà ancora votare fino a domenica 21 febbraio p.v. accedendo al seguente link: https://www.uil.it/survey.asp

 

 

Corso di formazione per Dirigenti Scolastici – DSGA e per chi si prepara  alle prove orali del Concorso per DSGA (in allegato)

 

Graduatorie ATA terza fascia: bando in arrivo.
Le domande di inserimento, di conferma, di aggiornamento, saranno prodotte unicamente in modalità telematica attraverso l’applicazione POLIS, Istanze online.
Gli interessati dovranno essere pertanto in possesso delle credenziali SPID, o, in alternativa, di un’utenza valida per l’accesso ai servizi presenti nell’area riservata del Ministero dell’Istruzione con l’abilitazione specifica al servizio “Istanze on Line (POLIS)” CONSIGLIATA.
La domanda di inserimento, di conferma o di aggiornamento nelle graduatorie di terza fascia di circolo e di istituto per le supplenze temporanee è unica per tutti i profili professionali richiesti ed è indirizzata all’istituzione scolastica scelta dall’aspirante per la valutazione dell’istanza.
TORNEREMO SULL’ARGOMENTO appena sarà pubblicato il bando. Nel frattempo chi non è registrato a POLIS, lo faccia.

 

 

MOBILITA’ DEL PERSONALE: inopportuna la convocazione su un tema contrattuale da un governo dimissionario.
Turi: la forma è sostanza. I trasferimenti del personale non sono affari correnti. 
Abbiamo chiesto la riapertura del contratto integrativo che merita una risposta e una visione complessiva per i riflessi che avrà sull’avvio del prossimo anno scolastico.

In politica la forma è sostanza. Non riusciamo a capire l’atteggiamento del ministro dell’istruzione che ha convocato una riunione sindacale per affrontare i temi della mobilità del personale che – osserva il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi coinvolge, ogni anno, centinaia di migliaia di lavoratori. 
I trasferimenti nella scuola sono passo propedeutico per la programmazione del prossimo anno scolastico.
La Uil Scuola, già con una lettera indirizzata al ministro nei giorni scorsi, ha chiesto di sospendere il calendario relativo alle prove di esame del concorso straordinario.
Un atto definito di garbo istituzionale vista la situazione di passaggio di governo.

Quello dei trasferimenti del personale della scuola è un aspetto che merita altrettanta attenzione e visione.
Già lo scorso anno la UIL Scuola ha chiesto la riapertura del contratto, procedura prevista peraltro da una norma contenuta nel contratto. Richiesta, che il ministro ha disatteso e che, invece, intendiamo realizzare.

Quest’anno, insieme alle altre organizzazioni sindacali abbiamo reiterato la richiesta e, in tutta risposta, ci vediamo convocati per la routine di una procedura che non può essere annoverata negli affari correnti.  Le scelte, sia sul reclutamento che sulla mobilità, avranno effetti sull’avvio del prossimo anno scolastico.  
La riapertura del contratto integrativo sulla mobilità potrà essere l’occasione per eliminare il vincolo quinquennale di divieto di spostamento.
Misura che finora ha impedito di coprire i posti disponibili (vacanti) nei territori diversi da quello in cui si è in condizione di essere stabilizzati con le graduatorie esistenti che altro non sono che concorsi per titoli e servizio. 

Sono queste le ragioni che hanno indotto la scelta della delegazione UIL Scuola a disertare la convocazione. Una riunione che appare inopportuna mentre l’attenzione andrebbe rivolta, entro un quadro organico di interventi, di un nuovo contratto integrativo sulla mobilità del personale che merita piena attenzione.

 

 

Calendario scolastico allungato, sindacati e presidi frenano

Se si escludono Romania, Repubblica ceca e Slovacchia non ci sono altri paesi dell’Ue che hanno tenuto le scuole (in tutto o in parte) chiuse più tempo dell’Italia dall’autunno a oggi: 26 settimane.
Basta questa evidenza statistica a spiegare perché nel suo secondo giro di tavolo con i partiti il premier incaricato Mario Draghi abbia posto l’accento sull’esigenza di rimodulare il calendario scolastico, allungando le lezioni almeno a fine giugno, come primo step di una strategia che consenta ai nostri studenti, magari in abbinata ai corsi di recupero pomeridiani, di colmare il gap di appredimenti accumulato finora.
Peraltro rilevante, visto che i primi studi internazionali parlano di divari formativi nell’ordine del 30-50% in matematica e nelle lingue.
Ma le reazioni che arrivano dal mondo dell’istruzione non sono concilianti come quelle che sono arrivate dai leader delle forze parlamentari che dovranno votare la fiducia al nuovo esecutivo. E ritorna così alla mente il doppio tentativo -il primo, solo abbozzato, dopo le prime settimane di lockdown del 2020; il secondo, stavolta formalizzato, nel dicembre scorso quando si doveva decidere come riaprire dopo le festività natalizie- che la ministra uscente Lucia Azzolina ha fatto nei mesi scorsi.Salvo tornare sui suoi passi per l’opposizione dei governatori e dei sindacati.
Sono state proprio alcune sigle sindacali (Uil, Snals, Gilda e Anief) ieri ad alzare subito il muro alle prime proposte di Draghi. Con toni e sfumature diversi ma con la stessa sostanza: con la didattica a distanza non si è perso tempo e anche con la Dad l’attività di insegnamento è andata avanti.
Fermo restando che, al netto dei 200 giorni minimi di lezione, il calendario scolastico è di competenza regionale, e che dunque una “quadra” va trovata con i governatori, qualche elemento in più potrebbe arrivare dagli incontri odierni quando il presidente del Consiglio in pectore incontrerà le sigle confederali. Ieri, Cgil e Cisl, hanno glissato sul tema preferendo soffermarsi sull’altra indiscrezione proveniente dal tavolo delle trattative per la formazione del nuovo governo. E cioè che prof e Ata (grazie alle fiale di Astrazeneca riservate agli under 55) avranno la priorità nei piani vaccinali e che bisognerà includere anche gli studenti. In quella sede probabilmente si parlerà anche dell’intenzione di Draghi di spingere sull’eliminazione a settembre delle cattedre vacanti.
E se sulla rimodulazione di lezioni e orari (per la cronaca, la media Ocse è di 778 ore annuali alla primaria, 712 e 680 alle superiori; da noi, rispettivamente, 766, 626 e 626) la mediazione si annuncia faticosa, sulle cattedre non appare da meno. Vista la storia dei concorsi da 78mila posti, fermi due anni, e ora frenati dal virus. Se per quello straordinario (32mila cattedre in palio) è arrivato ieri il via libera del Cts a concluderlo (mancano 4 gionate), per gli altri due ordinari (da 46mila cattedre) siamo ancora in attesa. Ammesso che inizino sarà davvero impossibile avere i vincitori in cattedra a settembre. A meno di procedure “semplificate”, che tradotto significa: altra sanatoria.

 

 

 

La ricetta di Draghi sulla scuola: stop alle cattedre vuote a settembre e recuperare i giorni persi con un nuovo calendario di Claudio Tucci

Al secondo giro di incontri con i partiti il premier incarico, Mario Draghi, parla di scuola ed espone la sua ricetta per affrontare le prime urgenze. L’ex presidente della Bce ne indica due: evitare le cattedre vacanti a settembre, da coprire, di volta in volta, con supplenti e rivedere il calendario delle lezioni per recuperare i giorni di scuola persi durante questi mesi.
Le urgenze
Il riferimento è ai gravi danni che una scuola a singhiozzo ormai da due anni scolastici sta producendo sugli studenti. In primis, sugli apprendimenti. I primi studi internazionali hanno evidenziato, all’estero, gap formativi tra il 30-50% in matematica e nelle lingue. Un danno enorme, che in Italia non è stato possibile misurare perché il governo Conte non ha fatto svolgere, lo scorso anno, (colpevolmente) le prove Invalsi. Ma tutti gli esperti sono concordi nell’ipotizzare “gap” non dissimili per i nostri studenti, visti anche i ritardi sugli apprendimenti già accumulati negli anni precedenti.

Lezioni anche in estate (e/o nel pomeriggio)
Per questo le parole di Draghi risaltano ancora più forte: si dovrà «rimodulare il calendario scolastico» dell’anno in corso, per recuperare i “numerosi giorni persi”. L’ipotesi di recupero dei giorni persi potrebbe essere quella di prevedere una chiusura d’anno più lunga, fine giugno o anche luglio, magari anche con turni pomeridiani in corso d’anno. Qui la decisione spetta alle singole Regioni, ma è difficile immaginare resistenze in caso di pressing del nuovo governo. Sul recupero del gap formativo si era iniziato a muovere anche l’esecutivo Conte, con circa 300 milioni di euro da inserire nel decreto Ristori, al momento fermo ai box, dopo la crisi dell’esecutivo giallo-rosso.

Stop al valzer di supplenti a settembre
L’altra urgenza indicata dal premier incaricato, Mario Draghi, è lo stop al solito film di cattedre vacante a settembre. Qui Draghi è esplicito: il nuovo governo deve lavorare da subito perché a settembre tutte le cattedre siano assegnate e i docenti siano in classe dal primo giorno del nuovo anno scolastico. Il premier incaricato avrebbe anche sottolineato che bisogna evitare che ci siano quest'anno molte migliaia di cattedre vacanti come lo scorso anno, alla ripresa dopo l’estate. Secondo le stime anticipate sul Sole24Ore del Lunedì (8 febbraio) a settembre si rischiano 220mila cattedre vuote, da coprire con supplenti. Un numero monstre. Qui a pesare è il ritardo (due anni di gestazione e di polemiche) dei concorsi a cattedra. A oggi ne è partito solo uno, quello straordinario, per 32mila cattedre. Sono fermi i restanti due, ordinari, da 46mila posti.

 

 

100 milioni alle Regioni per finanziare l'assistenza degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali
 Il contesto
All'origine vi è stata la Legge "Delrio" n. 56/2014, il cui comma 89 dell'articolo unico ha previsto il riordino delle funzioni non fondamentali delle Province.

Quelle fondamentali sono elencate al comma 85:
a) pianificazione territoriale provinciale di coordinamento, tutela e valorizzazione dell'ambiente;
b) pianificazione dei servizi di trasporto in ambito provinciale, autorizzazione e controllo in materia di trasporto privato, costruzione e gestione delle strade provinciali e regolazione della circolazione stradale a esse inerente;
c) programmazione provinciale della rete scolastica;
d) raccolta ed elaborazione di dati, assistenza tecnico-amministrativa agli enti locali;
e) gestione dell'edilizia scolastica;
f) controllo dei fenomeni discriminatori in ambito occupazionale e promozione delle pari opportunità sul territorio provinciale.
Le funzioni non fondamentali sono attribuite dallo Stato e dalle Regioni, secondo le rispettive competenze, al fine di conseguire le seguenti finalità: individuazione dell'ambito territoriale ottimale di esercizio per ciascuna funzione; efficacia nello svolgimento delle funzioni fondamentali da parte dei Comuni e delle loro Unioni; sussistenza di riconosciute esigenze unitarie; adozione di forme di avvalimento e deleghe di esercizio tra gli enti territoriali coinvolti nel processo di riordino mediante intese o convenzioni.
Sono inoltre da valorizzare forme di esercizio associato di funzioni da parte di più enti locali e autonomie funzionali.
Le Regioni quindi si sono mosse con proprie leggi per provvedere al riordino delle funzioni non fondamentali delle rispettive Province.
Sono rimaste "appese" le funzioni relative all'assistenza per l'autonomia e la comunicazione personale degli alunni con disabilità fisiche o sensoriali di cui all'art. 13, comma 3, L. n. 104/1992che fa obbligo agli enti locali di fornire il servizio nelle scuole di ogni ordine e grado mediante l'assegnazione di docenti specializzati; e quelle relative alle esigenze di cui all'art. 139, comma 1, lett. c), D.Lgs. n. 112/1998, che trasferisce alle Province e ai Comuni i "servizi di supporto organizzativo del servizio di istruzione per gli alunni con handicap o in situazione di svantaggio". (DPCM 20 novembre 2020 (G.U. 27 gennaio 2021, n. 21))

 

 

Supplenti e classi pollaio i dossier sul tavolo
Che il nuovo ministro (o ministra) dell'Istruzione sia politico/a o tecnico/a cambia poco. Recovery fund a parte, i dossier più pesanti (e pressanti) che si troverà a esaminare sono quelli riguardanti settembre: supplenti, concorsi e classi pollaio. Un sorta di Idra a tre teste che esiste da anni e che ha reso la gestione dell'emergenza sanitaria nelle classi ancora più complicata.
Anche perché, dopo un 2019/20 funestato dalla serrata imposta dal primo lockdown e un 2020/21 falcidiato dall'alternanza tra didattica in presenza e a distanza, con tutto ciò che hanno comportato in termini di perdita di apprendimenti dei ragazzi, non possiamo permetterci un terzo anno di scuola a metà. Virus o non virus.
 
 

Cisco sigla un protocollo di intesa con l’Istruzione per innovare e potenziare le competenze digitali nella scuola

Cisco e ministero dell'Istruzione hanno siglato un protocollo di intesa della durata di tre anni, dedicato a innovare e potenziare le competenze digitali nella scuola. L'accordo rappresenta un nuovo passo di un percorso di collaborazione ormai più che decennale, volto a offrire agli studenti la possibilità di acquisire le conoscenze necessarie per essere cittadini di una società digitale – e per prepararsi ad un mondo del lavoro in cui le competenze Ict professionali e trasversali sono essenziali.

 

 

 

Arriva MyIs, la nuova App per graduatorie, contratti, istanze e avvisi

In questi giorni abbiamo reso disponibile MyIs, la nuova App del Ministero dell’Istruzione che potete scaricare sui vostri dispositivi mobili”.
La App “rientra nel piano di digitalizzazione che ho pensato per il Ministero dell’Istruzione. Uno strumento che ho voluto si realizzasse per consentire l’accesso rapido a tutti i servizi più utilizzati dagli utenti del mondo della scuola. Parliamo di istanze, graduatorie, contratti, avvisi. Un modo di comunicare semplice e trasparente“.
Per accedere basta avere le credenziali SPID o essere registrati all’area riservata del Ministero mentre per consultare tutte le sezioni dell’app occorre essere abilitati al servizio di Istanze OnLine.
 

 

 

L’alunno sospeso torna in classe se è mancato il confronto con i rappresentanti dei genitori

I provvedimenti disciplinari irrogati agli alunni hanno finalità educativa e tendono al rafforzamento del senso di responsabilità e al ripristino dei corretti rapporti all'interno della “comunità” scolastica.
Tuttavia la mancata convocazione dei rappresentanti dei genitori al Consiglio di classe che ha proposto una sanzione disciplinare per uno studente “manesco”, ne inficia la regolarità sebbene la condotta dell'allievo presenti indubbi connotati di gravità (sentenza 529/2021 Tar Campania).

 

 

Concorsi pubblici con tampone
Ammissione alle prove di concorsuali solo previo tampone. È uno dei paletti fissati dal Protocollo di svolgimento dei concorsi pubblici approvato dal Dipartimento della Funzione pubblica in attuazione dell'art. 1, comma 10, lettera z), del dpcm 14 gennaio 2021.
Tale norma consente lo svolgimento delle prove con un limite massimo di 30 candidati per ogni sessione o sede, ma sono previa adozione di appositi protocolli da parte della Funzione pubblica.
La previsione conferma in generale la sospensione sia delle preselettive che degli scritti relativi a tutte le procedure concorsuali pubbliche (e private) e di quelle per l'abilitazione all'esercizio di professioni, ad esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica.

 

 

 

Incontro MI: corsi di perfezionamento per l'insegnamento di una disciplina linguistica in lingua straniera.
I Corsi di perfezionamento per l’insegnamento di una disciplina linguistica in lingua straniera, secondo la metodologia CLIL, rivolti ai docenti in servizio nelle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado sono stati oggetto dell’incontro tenutosi con il Ministero dell’Istruzione.
Per l’Amministrazione erano presenti il Capo dipartimento Marco Bruschi e Davide D’Amico.
La UIL Scuola ha espresso contrarietà per l’ennesima convocazione “ad horas”, modalità diventata ormai abituale.
Prima dell’incontro, non vi è stata nessuna informazione preventiva sul contenuto del decreto che, comunque a parere della UIL, dovrà essere accompagnato da linee guida oltre che da un ulteriore confronto.
Trattandosi di una metodologia molto articolata e non del semplice insegnamento di una lingua straniera, la formazione che la sottende dovrà essere ben strutturata, opzionale e, come previsto dall’art. 64 del CCNL vigente, non obbligatoria.
Per la UIL Scuola occorre chiarire:
– quali saranno le Università che si occuperanno di questa formazione;
– quali docenti potranno accedere ai corsi;
– quali saranno le modalità e i tempi di attuazione;
– quali ricadute avrà sul personale docente e sulle scuole interessate.
Per la UIL Scuola la formazione del personale interessato deve essere di esclusiva responsabilità del Ministero dell’istruzione e degli Enti accreditati, senza incursioni esterne da parte di privati.
La partecipazione a questo percorso di formazione non può vincolare in nessun modo né le istituzioni scolastiche nè tantomeno il personale docente.
Su tutti questi aspetti, congiuntamente alle altre organizzazioni sindacali, chiederemo uno specifico incontro.
Per la UIL Scuola hanno partecipato Mariolina Ciarnella e Roberta Vannini.

 

 

 

Skuola.net, il costo dei banchi con e senza le rotelle ha toccato quota 318 milioni

«Qual è stato il costo reale dei banchi a rotelle? In base a quanto dice la struttura del commissario straordinario, contattata da Skuola.net, il loro costo medio sarebbe stato di 274 euro per ogni banco innovativo e di 93 euro per quello tradizionale monoposto.
I banchi di ultima generazione sarebbero stati 434mila, più 2,1 milioni di quelli tradizionali. Il costo totale dell'operazione, in base a questi numeri, è stato di 119 milioni per i banchi a rotelle e di 199 milioni per quelli tradizionali. Per un totale di 318 milioni di euro».
E' quanto fa sapere Skuola.net in un comunicato.
Con la stessa somma si potevano assumere e ridurre le tradizionali “classi pollaio” da 27-30 alunni vanno avanti anche in epoca Covid.
 
  

L’allarme degli psicologi: con la Dad agli studenti manca il rapporto con i compagni

David Lazzari, presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine degli Psicologi ha presentato un’indagine realizzata dal Centro studi del Cnop, dalla quale emerge che a mancare maggiormente agli studenti italiani, a causa dell'impossibilità di svolgere lezioni in presenza, sono lo stare insieme ai compagni di classe (75%), la possibilità di studiare insieme (45%), la maggiore interazione durante le lezioni (38%) e il confronto con gli insegnanti (31).
 
 

Congedi del padre lavoratore estesi al 2021 e portati a 10 giorni

La legge di Bilancio ha prorogato per l’anno 2021, nonché esteso da 7 a 10 giorni, il congedo obbligatorio del padre lavoratore di cui all’articolo 4, comma 24 della legge 92/20212, da fruire in occasione della nascita del figlio e/o dell’adozione/affidamento avvenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2021. Ai sensi del Dm 21 dicembre 2012 i 10 giorni di congedo devono essere fruiti, anche in via non continuativa, ma mai frazionati a ore, entro

INSEGNANTI DI SOSTEGNO / Si promettono investimenti ma si pensa di ridurre gli organici con la formazione obbligatoria di tutti gli altri insegnanti
Turi: modello italiano di inclusione ammirato in Europa. Attenzione a non fare danni irreparabili.
Dai vertici ministeriali risposte fumose e tecnocratiche. Legge di Bilancio e relazione tecnica progettano tagli: 5 mila posti l’anno.

Abbiamo visto la Legge di Bilancio e letto la relazione tecnica che l’accompagna, pertanto esprimiamo scientemente il nostro giudizio negativo, avvalorato anche dall’incontro al ministero nel quale ci è stato illustrato il nuovo sistema: così Pino Turi sulla polemica sui posti di sostegno innescata dai vertici ministeriali mentre in corso c’è la partita di Governo.
Il decreto sul sostegno, scritto in attuazione di una delle deleghe della Legge 107, porterà tagli di organico nei prossimi anni – spiega il segretario generale Uil Scuola. Non è un pregiudizio ma una attenta lettura delle norme. 
Dietro un lessico forbito e volutamente tecnocratico – osserva Turi – si comprende che si va verso la riduzione dei posti di sostegno, in particolare per quelli in deroga. Quando si legge che «è rotto il sinallagma tra gravità/rapporto 1.1» e che «si definisce un debito funzionale», che si pensa di fare cadere su tutti gli altri docenti della classe, attraverso una formazione obbligatoria, si capisce che il cerchio è chiuso.
Non ci saranno tagli, dunque? Vogliamo credere nelle rassicurazioni del dott. Max Bruschi, che si dice convinto – proprio come noi, osserva Turi – dello straordinario valore del sistema di integrazione italiano, che è il fiore all’occhiello del sistema scolastico italiano. 
Negli scorsi anni – ricorda Turi – abbiamo accolto delegazioni europee venute in Italia per comprendere e studiare il meccanismo di integrazione italiano.
Cambiare un sistema che funziona non è saggio – sottolinea Turi. I vantaggi di metodo e di competenze attese, che si vorrebbero introdurre, rischiano di riportarci indietro nel tempo.  Gli altri sistemi scolastici europei, che vorrebbero imparare da noi, non tagliano ma investono molto più di noi in istruzione in termini di percentuale sul PIL, lo dimostrano. Meglio non strafare ed evitare avventure tecnocratiche – rilancia Turi.

Molte volte l’ansia di innovazione porta – come nel caso del maestro unico – a peggiorare la situazione sulla base di una narrazione che nasconde, invece l’idea di ridurre gli organici. E magari fare qualche risparmio.
Quando Il Capo Dipartimento Bruschi indica nei 10 milioni di euro, programmati in più anni, lo strumento per formare gli insegnanti curriculari sulle specificità del sostegno, sta esplicitamente ammettendo – mette in chiaro Turi – che il deficit di supporto strutturale che andrebbe  a detrimento dell’offerta formativa (si teorizza anche la possibilità di esonero  per alcune materie),  degli alunni con specifici bisogni, andrebbe ad essere compensato dagli insegnanti curriculari, su cui ricadrebbe la carenza (il debito funzionale). Non vi è sufficiente garanzia di inclusione, quindi si impiegano i docenti curricolari.
Rotto il rapporto 1/1 (la rottura sinallagmatica) implicitamente si riconosce la riduzione dell’organico di sostegno, almeno 5 mila posti l’anno, secondo la relazione tecnica. 
Ciò che la mano destra concede in termini di aumento di organico di diritto di sostegno per il prossimo anno scolastico, la mano sinistra lo riprende con gli interessi. Ci piacerebbe tanto – aggiunge Turi – essere smentiti nei fatti. Sarebbe un risultato a vantaggio di tutta la scuola italiana.
Per questo continuiamo a rivendicare tavoli in cui ci sia un confronto di merito, sempre evitato da questo ministero.
 

 

Scuola dell’infanzia. Sanificazione scarpe all’ingresso: procedura obbligatoria?

Nella scuola del Covid nascono preoccupazioni sanitarie nuove. Ad esempio, in particolare nella scuola dell’infanzia e primaria una preoccupazione ricorrente riguarda la possibilità di portare il virus in aula (o in casa) attraverso la suola delle scarpe.
È così? La suola delle scarpe porta il virus in casa? Sarebbe opportuno la sanificazione delle scarpe all’ingresso della classe di scuola dell’infanzia?
L’ISS (l’Istituto Superiore Sanitario) non esclude che il virus possa viaggiare sulle suole delle scarpe. Sebbene in luogo aperto la trasmissione del virus sia certo inferiore che in luoghi chiusi, ciò non toglie che calpestare eventuale materiale infetto (come secrezioni respiratorie in forma di catarro) potrebbe avere l’effetto di portare in casa o a scuola il virus. Questione trascurabile fintanto che non tocchiamo con le mani il pavimento, ma problema reale in presenza di bambini piccoli, come accade nelle classi di scuola derll’infanzia. Dunque in questi contesti sanificare le scarpe o sostituirle con un altro paio sarebbe una buona abitudine.

L’indicazione dell’ISS

L’ISS infatti suggerisce: In presenza di bambini si può mantenere un atteggiamento prudente nel rispetto delle normali norme igieniche, togliendosi le scarpe all’ingresso e pulendo i pavimenti con prodotti a base di cloro all’0.1% (semplice candeggina o varechina diluita).
La procedura non viene data come obbligatoria, ma è consigliata in linea generale, nelle case degli italiami. Dunque, a maggior ragione, questa procedura costituisce una buona prassi negli asili nido e nelle scuole dell’infanzia. Sarebbe cioè opportuno che gli operatori scolastici e i bambini avessero delle scarpe esclusive per l’ingresso a scuola o anche semplici copriscarpa usa e getta come quelli dei lavoratori sanitari. Una buona abitudine igienica in aggiunta alle altre regole di sanificazione dei locali, delle superfici, dei giocattoli.
Quanto alle norme cui il documento ministeriale fa esplicito riferimento (Verbale n. 82 del 28 maggio 2020, riunione del CTS), eccole:
Nella scuola dell’infanzia il distanziamento fisico presenta criticità più marcate che dovranno richiedere particolari accorgimenti sia organizzativi che nel comportamento del personale. Occorre in tal caso assicurare indicazioni e risorse addizionali circa la pulizia assidua delle superfici, il lavaggio frequente delle mani, criteri di riduzione del numero degli alunni contemporaneamente presenti in classe. Relativamente alla numerosità del gruppo classe, trattandosi per caratteristiche evolutive e metodologie didattiche di un contesto dinamico, è opportuno prevedere un affollamento ulteriormente ridotto rispetto ai criteri applicati nel contesto di classi di ordine superiore. Gli alunni della scuola dell’infanzia NON dovranno indossare la mascherina, come peraltro già previsto per i minori di 6 anni di età. Pertanto, non essendo sempre possibile garantire il distanziamento fisico dall’alunno, potrà essere previsto per il personale l’utilizzo di ulteriori dispositivi (es. guanti in nitrile e dispositivi di protezione per occhi, viso e mucose) oltre la consueta mascherina chirurgica.
Nelle Faq del Ministero dell’Istruzione, inoltre, viene specificato quanto segue.
Si possono portare giocattoli da casa?
No, non si possono portare giocattoli propri. Inoltre, il materiale ludico è assegnato in maniera esclusiva a specifici gruppi/sezioni.

 
Graduatorie di istituto e controlli sulle dichiarazioni
Un assistente amministrativo è stato assunto, per la prima volta, dalle graduatorie d’istituto. 
Abbiamo subito proceduto ai controlli previsti, dai quali sono emerse delle dichiarazioni false sui titoli.
Essendo trascorsi più di 30 giorni dall’instaurazione del rapporto di lavoro i presupposti del controllo vengono a decadere? Inoltre, emettendo ora un provvedimento di licenziamento, si andrebbe incontro ad un eventuale contenzioso?

Il caso in esame riguarda due fattispecie connesse e distinte, ovvero le conseguenze sul rapporto di lavoro dell'aspirante che abbia dichiarato titoli falsi, e le eventuali conseguenze penali.
In relazione al primo punto, già la O.M. 60/2020 all'art. 8 prevedeva che:
In caso di esito negativo della verifica, il Dirigente scolastico che ha effettuato i controlli comunica all’Ufficio competente la circostanza, ai fini delle esclusioni di cui all’art. 7, commi 8 e 9, ovvero ai fini della rideterminazione dei punteggi e delle posizioni assegnati all’aspirante; comunicazione delle determinazioni assunte è fatta anche all’interessato. Restano in capo al Dirigente scolastico che ha effettuato i controlli la valutazione e le conseguenti determinazioni ai fini dell’eventuale responsabilità penale di cui all’art. 76 del citato D.P.R. 445/2000.
La prescrizione è stata ribadita dalla nota 1588 dell'11/09/2020.
Le due disposizioni ricalcano la disciplina generale sulle autocertificazioni (normata dal D.P.R. 445/2000). 
Il termine di 30 gg. generale per la conclusione dei procedimenti amministrativi non consolida, se decorso, posizioni assunte sulla base di dichiarazioni false, né può essere utilizzato da chi ha dichiarato titoli falsi quanto disposto dall'art. 72, comma 3 del D.P.R. 445/2000, il quale prescrive il rispetto dei 30 gg. nei rapporti tra amministrazioni certificanti.
Riguardo alle conseguenze delle dichiarazioni false, invece, si ricorda che:

  • a norma dell'art. 75 del D.P.R. 445/2000, la non veridicità della dichiarazione comporta la decadenza dai benefici che si sono conseguiti;
  • a norma dell'art. 76 del D.P.R. 445/2000, chi rilascia dichiarazioni mendaci è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia (sanzioni aumentate nel corso degli anni) e, nel caso le dichiarazioni siano dirette ad ottenere pubblici uffici, il giudice può disporre anche l'interdizione temporanea;
  • a norma dell'art. 55-quater, comma 1, lett. d) del D.Lgs. 165/2001, è comunque previsto il licenziamento disciplinare per la falsità documentale dichiarate nell'instaurazione del rapporto di lavoro.

Rimane, comunque, in capo al Dirigente scolastico operare le opportune distinzioni tra dichiarazioni false (es. titolo non posseduto) o erronee (es. titolo posseduto ma non valido ai fini della selezione), e di operare le conseguenti valutazioni.
 
Scattano le nuove regole contro gli scioperi selvaggi nella scuola
In occasione di ogni sciopero, il prossimo in calendario nella scuola è per il 29 di gennaio, i dirigenti scolastici dovranno invitare i docenti e il personale Ata a comunicare in forma scritta, anche via e-mail, la propria intenzione di aderire allo sciopero o di non aderirvi o di non aver ancora maturato alcuna decisione al riguardo. E dovranno anche inviare una nota alle famiglie per informarle sulla data dello sciopero e sul peso delle sigle sindacali che lo abbiano indetto.
Così da consentire ai genitori degli alunni di valutare i probabili effetti dell'agitazioni e decidere se sia il caso di mandare i figli a scuola oppure no. È l'effetto dell'entrata in vigore dell'accordo sui servizi minimi in caso di sciopero, sottoscritto il 2 dicembre scorso dai rappresentanti dell'Aran e dei sindacati Cgil, Cisl, Uil, Snals, Gilda-Unams e Anief.

2020, i fondi pensione battono il Covid
Mentre Pil italiano cede oltre il 9% e il ritorno alla normalità post pandemia si allontana sempre più, il risparmio previdenziale consegna agli aderenti performance ampiamente positive. Per chi ha perso il lavoro o vede ancor più precario il proprio posto, la crescita dei contributi pensionistici rappresenta un elemento di tutela da sottolineare.
I rendimenti 2020 si assestano al 5,44% per i comparti a maggior esposizione all’azionario, i bilanciati +4% e quelli obligazionari a un soffio dal +3%. 
Una scommessa vinta, dunque – viste le circostanze drammatiche sia umane che economiche – e la conferma della capacità di resilienza del sistema fondi pensione che in Italia continua a vivere un paradosso: avere ancora (relativamente) pochi iscritti, ma offrire ampie soddisfazioni a chi li ha scelti, come testimoniato più volte dalle indagini campionarie di Mefop.
La correlazione con i mercati finanziari, il modello di gestione indiretta tramite gestori professionisti, i costi bassi e i vincoli di trasparenza: questi gli ingredienti che hanno portato la previdenza complementare a mostrare le proprie qualità e, ancora una volta, a “battere” il rendimento del trattamento di fine rapporto, fermo all’1,47% netto. 
Restano sul piatto le sfide che i fondi pensione stanno affrontato sul piano della sostenibilità, degli investimenti nell’economia reale e, nel prossimo futuro, l’introduzione dei nuovi presidi di trasparenza imposti dalla direttiva Iorp II, oltre alla concorrenza dei fondi pensione europei. Ma quel che è certo è che i fondi pensione si confermano un punto fermo nell’incertezza del presente. 
  

Maturità, nuovo affondo di Iv: se esame semplificato errore di metodo e merito

«Continuo a leggere che il ministero dell’Istruzione avrebbe già deciso una modalità ridotta per il prossimo esame di maturità, mentre ci sarebbero ancora incertezza sugli esami di terza media e i test invalsi». Lo dichiara Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia Viva in Commissione Cultura alla Camera.
La critica di Iv
«Se questa ipotesi fosse confermata -continua Toccafondi- farei fatica a capirne il metodo, il merito e anche i tempi. Siamo a gennaio, il ministro competente e il presidente del Consiglio sostengono di essere al lavoro senza sosta per affrontare i problemi della scuola e per riaprirla in tutte le regioni. Perché allora non sfruttare i cinque mesi che rimangono, invece di dare fin da ora per scontato che non saranno mesi di apertura delle scuole e quindi di lezioni in presenza, esame di stato, test Invalsi per capire livello di conoscenza dei ragazzi dopo la Dad?». «Quanto al metodo, invece, non capisco perché su un tema simile si voglia evitare una discussione e un voto in Parlamento, e limitarsi a un’ordinanza».

 

Alunno promosso se la bocciatura manca di «motivazione personalizzata»

di Pietro Alessio Palumbo
L'ammissione degli studenti della scuola secondaria di primo grado alla classe successiva o all'esame conclusivo del primo ciclo costituisce la regola generale derogabile soltanto ove risultino condotte rilevanti sul piano disciplinare ovvero si riscontri una parziale o mancata acquisizione da parte dell'alunno dei livelli di apprendimento in una o più discipline. Ebbene come chiarito dal Consiglio di Stato nella recente sentenza 638/2021, in tale ultima ipotesi affinché il consiglio di classe, nell'esercizio della propria «discrezionalità tecnica», possa legittimamente rifiutare l'ammissione dell'alunno alla classe successiva, occorre una decisione corredata da «motivazione dedicata», dovendo indicarsi le ragioni per le quali nel caso concreto, avuto riguardo alla posizione del singolo studente, non possa operare la regola generale di prosecuzione del percorso di studi con l'ammissione alla classe successiva o all'esame conclusivo.
Le “strategie” della scuola nel corso e a fine anno
In merito assume rilevanza la disciplina che impone all'istituto scolastico, nell'ambito della propria autonomiaorganizzativa e didattica, di attivare specifiche “strategie” per il miglioramento dei livelli di apprendimento, una volta rilevate, all'esito delle valutazioni periodiche o finali degli alunni, carenze nell'acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più materie.

A ben analizzare necessitano dunque non soltanto valutazioni periodiche in corso di anno scolastico, ma anche valutazioni finali. Ciò evidenzia la necessità che l'istituto scolastico attivi i percorsi di recupero, una volta accertata una carenza nell'acquisizione dei livelli di apprendimento riferita al singolo studente, non soltanto nel corso dell'anno scolastico, all'esito della valutazione periodica negativa riportata dall'alunno, ma anche successivamente, tenendo conto della valutazione finale negativa all'uopo espressa.
La (sola) valutazione finale negativa “non giustifica” la bocciatura
La valutazione finale anche ove negativa, in quanto tesa ad evidenziare eventuali carenze nell'acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline da parte dell'alunno, non giustifica, di per sé, la mancata ammissione alla classe successiva.

In altre parole occorre in ogni caso verificare se le carenze rilevate al termine dell'anno scolastico possano, comunque, essere recuperate dall'alunno successivamente, mediante “manovre didattiche” da attivare allo scopo. Dal che soltanto qualora tale verifica si concluda negativamente, potrà disporsi la non ammissione dello studente alla classe successiva.
Come motivare la bocciatura? Ecco il “vademecum” del Consiglio di Stato
In ogni caso – si badi – pena illegittimità degli atti, la non ammissione dell'alunno alla classe successiva, necessita di una adeguata motivazione che dia conto in particolare: delle specifiche strategie per il miglioramento dei livelli di apprendimento attivate dall'istituto scolastico una volta rilevate, in corso d'anno, le carenze dell'alunno nell'acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline; dell'esito negativo del percorso di recupero organizzato tempestivamente dall'istituto scolastico, specificatamente rivolto al superamento delle carenze rilevate e, dunque, al miglioramento dei livelli di apprendimento; dell'impossibilità di recuperare le carenze rilevate mediante strategie di intervento dell'istituto scolastico, anche successivamente alla valutazione negativa all'uopo espressa.

 

Prorogato al 31 dicembre 2021 l'ape sociale

L'Ape sociale è stata prorogato fino al 31 dicembre 2021 e riguarderà non solo chi maturerà i requisiti in questo anno, ma anche tutti coloro che hanno perfezionato i requisiti negli anni precedenti al 2021.
L'Inps con il messaggio 62 dell'8 gennaio 2021 chiarisce i punti essenziali di questo strumento di anticipo pensionistico per il quale sono state stanziate risorse aggiuntive, rinviando ad una prossima circolare l'illustrazione dei diversi aspetti.

Opzione donna 2021 la nuova Legge di Bilancio rivede la data entro la quale devono essere maturati i requisiti per la pensione anticipata che diventa il 31 dicembre 2020. La data del 28 febbraio 2021 invece è quella entro la quale potranno fare domanda per Opzione donna 2021 coloro che fanno parte del personale del comparto scuola e AFAM.

 

Insegnamento, abilitato alle supplenze il personale con tre anni di servizio

Non sono però equiparabili al personale che ha partecipato e vinto il concorso. Lo precisa il Consiglio di Stato con il decreto 12 gennaio 2021 n. 21
Gli insegnanti con tre anni di servizio sono qualificati per effettuare supplenze ma non sono equiparabili al personale che ha partecipato e vinto il concorso. Lo precisa il Consiglio di Stato con https://i2.res.24o.it/pdf2010/Editrice/ILSOLE24ORE/QUOTIDIANI_VERTICALI/Online/_Oggetti_Embedded/Documenti/2021/01/16/decreto21.pdf
I tre anni infatti rappresentano un'abilitazione "specifica" con inserimento in terza fascia delle graduatorie di istituto ma chi ha partecipato con successo a un esame abilitante viene inserito in altre fasce delle graduatorie a cui si ricorre per la chiamata in servizio. Questo perché è nella discrezionalità del legislatore nazionale modulare l'accesso alla professione per assicurare un sistema di valutazione adeguato.
Si legge sempre nel decreto che il Dl 29 ottobre 2019 n. 126, convertito dalla legge 20 dicembre 2019 n. 159 (Misure di straordinaria necessità ed urgenza in materia di reclutamento del personale scolastico e degli enti di ricerca e di abilitazione dei docenti) dà rilievo ai tre anni di servizio come requisito per l'accesso a un concorso avente effetto abilitante e non comporta alcuna equiparazione fra lo svolgimento del triennio e l'abilitazione "piena" che si consegue per effetto dei corsi o dei concorsi abilitanti (ai quali viene ammesso il personale avente tale servizio in precariato) .
La distinzione concettuale fra abilitazione piena e specifica o "semipiena" si ricava dal sistema che è incentrato appunto sulla centralità della valutazione degli insegnanti come professionisti. Un principio di valutazione conforme al diritto europeo che demanda poi ai singoli legislatori nazionali di modulare regole sulla professione, salvo un eventuale controllo dell'assetto disciplinare così delineato dal legislatore nazionale, da parte della Corte di Giustizia.

 

 

Tra 10 anni in Italia mancheranno oltre 120mila tra medici e infermieri e la Sanità richiederà nuove figure lavorative http://scuola24.ilsole24ore.com/art/scuola/2021-01-18/tra-10-anni-italia-mancheranno-oltre-120mila-medici-e-infermieri-e-sanita-richiedera-nuove-figure-lavorative-170446.php?uuid=AD4RoFEB&cmpid=nlqs

 

Chi non si vaccina può finire in aspettativa senza retribuzione

Immagine che contiene testo, paramento

Descrizione generata automaticamente
Il dibattito sulla possibilità di licenziare i dipendenti che rifiutano di sottoporsi al vaccino contro il Covid è molto delicato, in quanto le opinioni giuridiche rischiano di influenzare la campagna vaccinale appena avviata.
La difesa della scienza, però, non va confusa o non deve avallare letture forzate delle norme, perché la certezza del diritto è un bene altrettanto importante.

 

Benzina per auto, addio all’imposta regionale

La legge di Bilancio 2021 (articolo 1, comma 628 e successivi, della legge 178/2020) ha previsto l’abrogazione nelle Regioni a statuto ordinario dell’imposta regionale sulla benzina per autotrazione (Irba) a partire dal 1° gennaio 2021. Il provvedimento adegua la normativa nazionale in materia di accise al diritto unionale, facendo salvi per il passato gli effetti delle obbligazioni tributarie già insorte.
L’Irba, fu introdotta con la legge 158/1990.

         Carissimi,
segnaliamo la sentenza "apripista", a seguito di un ricorso patrocinato dalla UIL Scuola di Reggio Emilia, la quale stabilisce che il CIA VA RICONOSCIUTO A TUTTO IL PERSONALE ATA – ANCHE A CHI HA SVOLTO SUPPLENZE BREVI.
            Il Giudice ha stabilito che il compenso indennità accessorio deve essere riconosciuto a tutto il personale ATA, anche a coloro che hanno svolto le c.d. supplenze brevi, così pronunciando che "…l'esclusione del personale ATA a tempo determinato che effettua supplenze brevi e saltuarie non sia giustificato e che, quindi, debba essere loro riconosciuto detto emolumento"…
Ancora oggi gli stipendi del personale Covid vengono “corrisposti a singhiozzo”, ma permane anche “un taglio importante dello stipendio a causa del mancato riconoscimento della retribuzione professionale docenti e del compenso individuale accessorio al personale Ata, pari a 174,50 euro lordi al mese per i docenti e a 64,50 euro lordi per il personale Ata.
  

Fondo pensione per personale scuola, costruisci il futuro per tempo: siamo già più di 100mila

Fondo pensione espero

Lo hanno già fatto in oltre 100.000 accumulando zainetti previdenziali nel loro Fondo Pensione della scuola (Espero). Più di 15.000 sono già usciti e hanno avuto i loro risparmi. Aderire al Fondo consente di colmare il gap tra ultimo stipendio e pensione.
Il Fondo pensione Espero nasce nel 2004, a seguito di  accordo tra sindacati e rappresentanza del Governo come datore di lavoro. È nato proprio per tutelare sul piano previdenziale i lavoratori della scuola, in particolare per gli effetti della legge che ha previsto il calcolo con il sistema contributivo, che di fatto riduce la pensione rispetto all’ultimo stipendio.
Vale la pena informarsi sui vantaggi e sulle opportunità che si hanno aderendo al proprio fondo contrattuale; ci sono vantaggi fiscali ed il contributo aggiuntivo da parte del datore di lavoro, l’amministrazione statale.
Muoversi da subito consente di ridurre l’importo da accantonare e di beneficiare dell’effetto esponenziale delle rivalutazioni. La risorsa importante che abbiamo per costruirci un futuro pensionistico adeguato è il tempo. È importante ora approfondire ed informarsi per una adesione consapevole.
Tel 06 5227 9155 – mail: info@fondoespero.it – sito: www.fondoespero.it
Presso le nostre sedi troverete assistenza e consulenza anche su ESPERO.
  
Carissimi, riteniamo opportuno attirare ancora la Vostra attenzione sulle numerose decisioni che anche in questi giorni i Tribunali e le Corti di Appello continuano a depositare, riconoscendo al personale ATA e al personale docente l’integrale riconoscimento dei servizi pre-ruolo ai fini della ricostruzione di carriera e al più favorevole inquadramento della fascia stipendiale. 
Pertanto, con l’Ufficio Legale nazionale della UIL Scuola, abbiamo deciso di riaprire i termini di adesione al ricorso almeno sino al 30 novembre 2020, così da poter far partecipare anche il personale che verrà assunto in ruolo a partire dal prossimo anno scolastico.
GLI INTERESSATI CI CONTATTINO via mail a molise@uilscuola.it
 
La prossima volta che ti avvicini a un interruttore della luce durante il giorno, prova a pensare se puoi fare a meno di accenderlo. Puoi sempre aprire una tenda o spostarti in un punto più luminoso della stanza. Studi hanno dimostrato che la luce naturale incrementa la produttività e il comfort di chi occupa l'ambiente, quindi i vantaggi vanno oltre il risparmio energetico!
  
La Uil Scuola sottoscrive una assicurazione a tutela degli iscritti
La tempestività degli interventi è fondamentale in questi momenti. L’impegno professionale va accompagnato con tutte le misure che siano a tutela della persona e della sua salute.

POLIZZA UIL SCUOLA RISCHIO COVID 19
Effetto copertura: dalle ore 24,00 del 01/03/2020 alle ore 24,00 del 31/12/2020
Assicurati: tutti gli Iscritti alla Uil Scuola; Validità: in tutto il mondo.
 
 
Bando INPS: 9Mila borse di studio per studenti e laureati
L’INPS ha pubblicato il nuovo bando per l’assegnazione di borse di studio per i figli dei dipendenti pubblici, per la frequenza di corsi di laurea e post laurea.
Sono oltre 9Mila i contributi economici da assegnare a giovani under 32, per percorsi universitari riferiti all’anno accademico 2018 2019. L’importo della borsa di studio è variabile in base alle caratteristiche del beneficio, fino ad un massimo di 2.000 Euro
Le domande di partecipazione devono essere presentate, secondo le modalità indicate nel bando, attraverso l’apposita procedura online raggiungibile dal portale web www.inps.it, a partire dalle ore 12.00 del 27 gennaio 2021 ed entro le ore 12.00 del 1 marzo 2021.

Il Comune di Termoli in Provincia ha indetto tre concorsi finalizzati a 5 nuove assunzioni rivolte a diplomati e laureati.
Le candidature entro il 1 Marzo 2021. Queste le figure professionali (opera la riserva di posto a favore dei volontari FF.AA):

  • n. 2 Istruttori Direttivi Tecnici, categoria D;
  • n. 2 Istruttori tecnici, categoria C;
  • n. 1 Istruttore Direttivo dei Servizi Legali, categoria D. 

 

Automotive, elettrodomestici, energia: ecco le industrie che assumono

Non più grasso e rumore, ma sempre più spesso elettronica, design e connettività. L'industria italiana ha cambiato progressivamente pelle negli ultimi anni e l’evoluzione imposta dal processo di digitalizzazione di Industria 4.0 ha modificato anche le tipologie di profili richiesti dalle aziende, che anche in questa fase intendono assumere personale. Professionalità che, al di là di alcune terminologie anglofone, sono intrinsecamente correlate alle competenze ben rappresentate nella tradizione manifatturiera italiana.
Ciò che vi proponiamo qui è un elenco di posizioni aperte, nella rubrica in collaborazione con https://www.linkedin.com/news/story/qui-trovi-lavoro-le-offerte-nel-settore-healthcare-5341114/di LinkedIn Notizie.
LinkedIn è la piattaforma social specializzata nel recruiting, ricerca personale, formazione e lavoro, in cui potrete trovare direttamente il link per candidarvi alle posizioni indicate dalle società qui citate.
Marelli  vuole integrare il proprio personale con specialisti del Material Management e del Preventive Quality Management, e un/una Project Leader Electronic.
 
https://24plus.ilsole24ore.com/art/non-solo-gamestop-cosi-rivolta-trader-sta-scuotendo-borse-AD1IAWGB
Hitachi ABB Power Grids assume tra gli altri, Global Product Specialist for Digital solutions, Hub Supply Quality&Development Engineer e R&D Engineer Battery technology specialist;
 
Gruppo FCA ha https://www.linkedin.com/jobs/search/?f_C=307851%2C164866%2C326277%2C2529329%2C3645%2C373290%2C8895f_TPR=r2592000geoId=103350119location=Italiaredirect=falseposition=1pageNum=0per Material Management Responsible, E-Motors Design Release Engineer e non solo;
 
Kärcher è https://www.linkedin.com/jobs/search/?currentJobId=2347895027f_C=11193486f_TPR=r2592000geoId=103350119location=Italiaredirect=falseposition=2pageNum=0di Buyer Lavorazioni Meccaniche e Pressofusione, Project Manager e di un/una stagista in ambito Lean Manufacturing and Process Improvement;
 
Ariston Thermo Group seleziona WPS Coordinator Europe, Electronic Project Manager, Global WCM Pillar Leader e altri professionisti;
 
Ferretti https://www.linkedin.com/jobs/search/?f_C=51583f_TPR=r2592000geoId=103350119location=Italiaredirect=falseposition=1pageNum=0il proprio organico con Composite Technologies e Custom Line Resident Engineer, e non solo;
 
Prysmian sta assumendo, tra gli altri, Head of Engineering Department Network Components, Holding Cost Controller Specialist e Installation Project Engineer;
 
Lamborghini cerca Homologation Engineer, IT Digital Workplace & UX Management e Connectivity Back end Developer Engineer;
 
Alstom hahttps://www.linkedin.com/jobs/search/?f_C=2443%2C11858232f_TPR=r2592000geoId=103350119location=Italiaredirect=falseposition=1pageNum=0per diversi ruoli, tra i quali Production/Repair Scheduling Manager, ADM Products Safety Team Leader e Test Industrialization Engineer;
 
Electrolux seleziona Commodity Manager – Fabric & Dish Care, Key Supplier Specialist, Laboratory Specialist e altri professionisti.
 
BANCA D'ITALIA
Concorsi pubblici per la copertura di centocinque posti di personale dell'area operativa, vari profili professionali, a tempo indeterminato. (GU n. 8 del 29-01-2021)

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI
Indizione della sessione annuale degli esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della professione di consulente del lavoro – anno 2021. (GU n. 8 del 29-01-2021)

AZIENDA LIGURE SANITARIA DELLA REGIONE LIGURIA DI GENOVA
Concorso pubblico unificato, per titoli ed esami, per la copertura di trentotto posti di dirigente medico a tempo indeterminato e con rapporto di lavoro esclusivo, disciplina di medicina e chirurgia d'accettazione e d'urgenza, area medica e delle specialita' mediche. (GU n. 9 del 02-02-2021)

AZIENDA ZERO DI PADOVA
Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di diciannove posti di dirigente medico, disciplina di neurologia, a tempo indeterminato, presso varie aziende sanitarie. (GU n. 10 del 05-02-2021)

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di ventotto posti di dirigente medico, disciplina di malattie dell'apparato respiratorio, a tempo indeterminato, presso varie aziende sanitarie. (GU n. 10 del 05-02-2021)
 

Trenitalia Lavora con noi: posizioni aperte, come candidarsi

Gli interessati alle future assunzioni e alle offerte di lavoro Ferrovie dello Stato possono candidarsi visitando la sezione dedicata alle ricerche in corso del Gruppo, Trenitalia “Lavora con noi”, e registrando il curriculum vitae nell’apposito form, entro i termini di scadenza previsti per le selezioni attive: https://www.trenitalia.com/?gclid=CKvrycjAhMUCFYzMtAodBQoAag
 

Banco BPM: 750 assunzioni con Piano Uscite

In Banco BPM assunzioni in arrivo entro il 2023.
Il noto Gruppo bancario creerà ben 750 nuovi posti di lavoro grazie ad un nuovo Piano Uscite concordato con i Sindacati.
Gli interessati alle future assunzioni Banco BPM e alle offerte di lavoro in banca attive possono visitare la pagina dedicata al recruiting (Lavora con noi) del Gruppo. Dalla stessa è possibile accedere al form online di candidatura, che va compilando inserendo i propri dati e allegando il cv.

 

 

 

 

Crewlink: lavoro per Assistenti di Volo, assunzioni 2021

In vista dell’estate 2021 Crewlink cerca aspiranti assistenti di volo per posti di lavoro in tutta Europa. Se di interesse clicca su https://www.crewlink.ie/recruitment/job-list/?utm_source=ticonsiglio
 
 
 
La Corte di Cassazione dichiara la non conformità dell’art. 485 d.lgs. 297/94 IN QUANTO VIOLA LA CLAUSOLA 4 DELL’ACCORDO QUADRO SUL LAVORO A TEMPO DETERMINATO. 
GLI INTERESSATI CI RICHIEDANO LA MODULISTICA PER INIZIARE DIRETTAMENTE IL CONTENZIOSO GRATUITO PER GLI ISCRITTI. LA BOZZA di DIFFIDA E SLIDE ILLUSTRATIVE verranno inviate a chi ne farà richiesta a molise@uilscuola.it .
La cassazione ha depositato la sentenza del 28 novembre 2019 numero 3149, sentenza attesa dal personale della scuola perchè pone fine ad un lungo contenzioso che come UIL Scuola Molise abbiamo iniziato, con alterne vicende nell'ormai lontano 2005. 
Salta quindi il limite del computo massimo di quattro anni per intero di servizio pre ruolo con il computo del servizio ulteriore nei limiti dei due terzi.
L'applicazione della sentenza porta alla revisione di migliaia di ricostruzione di carriera, con il diritto del personale alle eventuali differenze retributive conseguenti ad una diversa collocazione nella fascia stipendiare. 
Presso le nostre strutture UIL Scuola Molise gli interessati continueranno a trovare tutta la modulistica (che può essere richiesta anche via mail a molise@uilscuola.it) e l’assistenza necessaria.
Il tutto in modo gratuito con un piccolo contributo a sentenza favorevole.
 
Carissimi, con una pronunzia di luglio 2018, la Cassazione, modificando il suo precedente orientamento in materia, ha riconosciuto che la retribuzione professionale docenti (RDP), pari a 164 euro mensili, deve essere riconosciuta anche al personale con supplenze brevi e saltuarie.
Tutto il personale docente, a prescindere dal tipo di contratto stipulato, ha quindi pieno diritto all'assegno tabellare integrale.
Pertanto, a tutto il personale docente ed educativo, sia esso a tempo indeterminato che determinato anche per supplenze brevi, ai sensi dell'art. 7 del CCNL 15.3.2001 interpretato alla luce del principio di non discriminazione – clausola 4 accordo quadro allegato alla direttiva 1999/70/CE -, deve essere riconosciuta la Retribuzione Professionale Docenti.
A tal proposito, al fine di tutelare gli iscritti e per interrompere i termini di prescrizione, ai richiedenti verrà inviato apposito modello.
Dopo aver inviato la diffida avvieremo l'azione giudiziaria davanti al Tribunale competente.
L'attività, come da convenzione, verrà svolta gratuitamente per gli iscritti alla UIL Scuola e solo in caso di esito positivo verseranno un rimborso spese pari al 10% dell'importo recuperato. 
Su 5 anni (per evitare la prescrizione) l'importo da recuperare potrà variare tra 2.500,00 euro sino a circa 5.000,00 euro. 
Per qualsiasi informazione potete rivolgervi a molise@uilscuola.it o alle sedi UIL Scuola molisane.
LA MODULISTICA VERRA’ INVIATA A CHI NE FARA’ RICHIESTA a  molise@uilscuola.it Per qualsiasi informazione potete fare riferimento a questa Segreteria o presso le nostre sedi negli orari indicati in calce.  

La Federazione UIL Scuola RUA Molise ha aggiornato la sua politica sulla privacy a seguito dell'entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo Protezione Dati (GDPR). L’invio delle informative sindacali di INFORMATUICONUIL viene effettuato gratuitamente come aggiornamento per chi lo ha richiesto, nei modi e secondo le norme stabilite dalla legge. Nel caso in cui si non si desiderano ricevere le nostre informazioni, invitiamo a comunicarlo alla mail molise@uilscuola.it specificando nell'oggetto "Annulla  iscrizione a UIL Scuola Molise: Notizie”  Grazie.

Cari iscritti, indicate con chiarezza indirizzo di posta elettronica attivo e regolarmente consultato .
I nostri numeri telefonici: 338 8987 029 – 328 8698 791 – 0865 195 6044: è opportuno lasciare sempre un messaggio. Lasciando nome, cognome e numero telefonico fisso, gli iscritti saranno richiamati. 
Potete sempre contattarci su skype all'indirizzo ferdinandoamancini. 
IMPORTANTE, LEGGERE ATTENTAMENTE. GRAZIE 
Per iscriversi GRATUITAMENTE al gruppo, e ricevere quindi il notiziario, basta cliccare (e mandare) una mail a: notizie_uilscuola_molise_it+subscribe@googlegroups.com
Oppure: Copiare e incollare l'indirizzo e-mail del gruppo. Su oggetto iscrizione gruppo uil scuola. Si potrà sempre annullare l'iscrizione al gruppo, inviando una mail a molise@uilscuola.it 

Per maggiori opzioni e informazioni, si può visitare il gruppo della UIL Scuola Molise all’indirizzo: http://groups.google.it/group/notizie_uilscuola_molise_it?hl=it      
_______________________________________________________________________
Ferdinando A. Mancini – Esecutivo UIL Scuola Molise – Tesoriere
Posta  86170 Isernia, Strada Com. San Lazzaro 63     Tel  0865 195 6044 (con segr tel)
Web  www.uilscuola.it   Email  fmancini@uilscuola.it Cell  328 8698 791 Fax  02 301 320 47
                         Info e assistenza telefonica Dalle 21.30 alle 22.30  
Facebook  UIL.Scuola.Molise             Skype  ferdinandoamancini  
Email & Segr tel.  Lasciare nome e tel. fisso per essere richiamati
                      Ricevimento in sede
Campobasso  Via Crispi, 1/D-E  Giovedì  16.00 − 18.00
Termoli          Via Sandro Pertini 1  Martedì  15.00 − 16.00
Isernia           Viale dei Pentri, 173/A  Mercoledì  16.00 − 18.00

_______________________________________________________________________ 

– Corso_IRASE_DSGA_2021.pdf