Criticità per l’organico aggiuntivo “COVID”: l’intervento della FLC CGIL