Il film su Sandro Pertini strega i giovani: “La sua vita, una lezione per la classe politica di oggi”

SURROGA COMPONENTE RSU CON DECORRENZA 26/10/2019
26 Ottobre 2019
I Carabinieri del Reparto Biodiversità “Biosphere Hack”: incontro con 100 studenti
26 Ottobre 2019
Mostra tutti

Il film su Sandro Pertini strega i giovani: “La sua vita, una lezione per la classe politica di oggi”

 
Gli studenti dell’istituto che porta il nome del Presidente della Repubblica su cui Giambattista Assanti ha realizzato l’opera cinematografica, hanno assistito in anteprima nazionale alla proiezione della pellicola che – fra l’altro – vede in scena anche un pezzo di Molise, alcune scene del film sono state girate infatti nella nostra regione, in particolare a Campobasso e Ferrazzano, segno del profondo legame del regista con la nostra terra Sandro Pertini, non un Presidente ma il Presidente (della Repubblica) più amato degli italiani, morì nel febbraio del 1990, a 94 anni. Il film sull’uomo e sul politico, padre della Repubblica italiana, porta la firma di Giambattista Assanti che questa mattina – 9 ottobre – è salito sul palco del Teatro Savoia per presentare la sua opera cinematografica in anteprima nazionale agli studenti della scuola che di Sandro Pertini porta orgogliosamente il nome: l’istituto ad indirizzo linguistico e biotecnologico di via Scardocchia.
E proprio i ragazzi, all’uscita dal teatro dopo aver visto il film, erano un fiume in piena di opinioni e considerazioni.

Commossi ed entusiasti, ognuno di loro ha espresso parole di encomio rispetto al coraggio del giovane Pertini nella sua lotta contro il fascismo e il regime.

Lavoro eccellente quello di Assanti (candidato ai David di Donatello e che fra qualche giorno sarà presentato alla mostra internazionale del cinema di Venezia), il regista ha raccontato il Presidente nel periodo più turbolento della sua vita, e di quella della nazione tutta: cioè la dittatura cui Pertini si oppose fermamente, pagando di persona le conseguenze per tale affronto al regime mussoliniano. Da qui il nome del lavoro: “Il giovane Pertini, combattente per la libertà”.